John Turturro Gigolò per caso a Roma

Di Francesco Bernacchio
Share

QUI la nostra recensione di Gigolò per caso

C’è molto di italiano in lui, soprattutto nei gesti e nelle movenze. In fondo è figlio di un carpentiere pugliese e di una cantante jazz di origini siciliane, John Michael Turturro, che continua il suo percorso artistico tenendo un piede nel nostro paese, a cui è molto legato.
Dopo essersi dedicato al teatro italiano interpretando e dirigendo al Mercadante di Napoli Questi fantasmi di Eduardo De Filippo e Fiabe Italiane, ispirato all’omonimo testo di Italo Calvino e dopo il successo di Passione, nel 2010, il film su Napoli e le sue canzoni premiato praticamente ovunque, l’attore questa mattina era a Roma per presentare alla stampa Gigolò per caso, pellicola da lui diretta e interpretata, nelle sale dal 17 aprile distribuita da Lucky Red.



Alla conferenza stampa, durante la quale ha riso e scherzato con i giornalisti, lasciandosi andare anche a qualche frecciatina (ha commentato così il recente exploit del presidente Obama, che di fronte al Colosseo ha affermato “è più grande di uno stadio di baseball”: “Certo al suo posto non avrei detto la stessa cosa. Forse avrei pensato solo da che parte sarei stato in quel posto, se da quella di un cristiano o di un romano”), l’attore ha raccontato di aver appena finito di girare il nuovo film di Nanni Moretti, Mia Madre, e che tornerà in Italia a maggio per iniziare le riprese del film di Marco Pontecorvo Tempo instabile con possibili schiarite.

In Gigolò per caso, Turturro interpreta un timido fioraio che alle donne sa dare ascolto e attenzione e che, a causa delle precarie condizioni economiche in cui verte, si lascia convincere dal suo amico Murray (Woody Allen) a diventare un escort di professione. Con lui sul set, oltre a Woody Allen, anche tre splendide attrici: Sofia Vergara, Vanessa Paradis e Sharon Stone. La videointervista.

Share

Comments

About author

Francesco Bernacchio

Appassionato di pop a trecentosessanta gradi, ama il cinema d'evasione, l'animazione e i film che non durino più di due ore.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

6 + 1 =

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi