Cannes 2014, i vincitori

Di Francesco Bernacchio
Share


Sophia Loren ha consegnato oggi a Cannes il Grand Prix a Alice Rohrwacher per Le meraviglie. La regista italiana ha ringraziato, emozionata: “Grazie al Festival di Cannes che mi ha fatto essere qui. Grazie a questa giuria per avermi fatto tornare e soprattutto grazie per il vostro lavoro che mi ha fatto innamorare e mi ha portato qui”.
Monica Bellucci ha consegnato il premio per la migliore interpretazione maschile a Timothy Spall per Mr. Turner di Mike Leigh. Migliore interpretazione femminile: Julianne Moore per Maps to the Stars di David Cronenberg.
Ecco tutti i premi assegnati.

Selezione Ufficiale:
– Palma d’oro: Winter Sleep di Nuri Bilge Ceylan
– Grand Prix: Le meraviglie di Alice Rohrwacher
– Migliore Regia: Bennett Miller per Foxcatcher
– Premio della Giuria (ex aequo): Mommy di Xavier Dolan e Adieu au langage di Jean-Luc Godard
– Migliore attore: Timothy Spall per Mr. Turner
– Migliore attrice: Julianne Moore per Maps to the Stars
– Migliore sceneggiatura: Andrey Zvyagintsev e Oleg Negin per Leviathan
– Palma d’oro per il miglior cortometraggio: Leidi del colombiano Simón Mesa Soto
– Camera d’or (migliore opera prima): Party Girl dei francesi Claire Burger, Samuel Theis e Marie Amachoukeli

Un certain regard:
– Premio Un certain regard: Fehér Isten (White God) dell’ungherese Kornél Mundruczó, film che film denuncia la stigmatizzazione dei più deboli utilizzando come metafora una schiera impressionante di cani.
– Premio della giuria: Force majeure (Turist) dello svedese Ruben Östlund, commedia amara su una famiglia svedese in vacanza sulle Alpi sorpresa da una valanga.
– Premio speciale Un Certain Regard: The Salt of the Earth di Wim Wenders e Juliano Ribeiro Salgado, documentario sul fotografo Sebastiao Salgado.
– Premio “d’ensemble”: Party Girl dei francesi Claire Burger, Samuel Theis e Marie Amachoukeli.
– Migliore attore: David Gulpilil per Charlie’s Country dell’australiano aborigeno Rolf de Heer.



Semaine Internationale de la Critique
– Gran Premio: The Tribe di Myroslav Slaboshpytskkiy
– Premio SACD: Hope di Boris Lojkine
– France 4 Visionary Award: The Tribe di Myroslav Slaboshpytskkiy

Quinzaine des Réalisateurs
– Art Cinema Award: Les Combattants, opera prima di Thomas Cailley
– Premio SACD: Les Combattants di Thomas Cailley
– Label Europa Cinema: Les Combattants di Thomas Cailley
– Premio Illy per il miglior cortometraggio: Sem coração di Nara Normande e Tião
– Menzione speciale: Trece si prin perete di Radu Jude

– Palma Queer: Pride di Matthew Warchus
– Palma Dog: Fehér Isten (White God) di Kornél Mundruczó
– Premio della Giuria Ecumenica: Timbuktu di Abderrahmane Sissako
– Premio FIPRESCI (Federazione Internazionale della Stampa Cinematografica) – Concorso internazionale: Winter Sleep di Nuri Bilge Ceylan
– Premio FIPRESCI – Un Certain Regard: Jauja di Lisandro Alonso
– Premio FIPRESCI – Sezioni parallele: Love at First Fight di Thomas Cailley

Share

Comments

Tagged with:

About author

Francesco Bernacchio

Appassionato di pop a trecentosessanta gradi, ama il cinema d'evasione, l'animazione e i film che non durino più di due ore.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

7 + 3 =

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi