La matassa

Di
Share

Due cugini non si vedono da oltre vent’anni, perché i loro padri (due fratelli) non riescono a sopportarsi. Un giorno, per caso, si rincontrano. E’ l’inizio di una serie di mirabolanti avventure ai limiti dell’assurdo e del quotidiano. Con tanto di sbeffeggiamento nei confronti della mafia.



Bisogna riconoscere un gran merito a Ficarra e Picone, quello di aver messo d’accordo pubblico e critica con i loro precedenti film (Nati stanchi e Il 7 e l’8 hanno rappresentato un vero caso cinematografico). La coppia, anche in questa occasione, affronta il cinema in modo serio, incentrando il film su un copione solido in cui le gag e gli sketch in cui siamo abituati a vederli in TV, vengono giustamente emarginate. La pecca del film, allora, diventa il rimanere troppo fedeli alle maschere che Ficarra e Picone si sono creati (quella di imbroglione, il primo, quella di Insicuro, l’altro).

La regia a sei mani de La matassa (quattro delle quali appartengono ai due comici palermitani) è un esperimento limite, a cui va attribuito, però il coraggio di aver sviluppato in modo credibile e divertente un tema universale come quello delle liti in famiglia.

Voto 6

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

+ 62 = 69

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi