Che: Guerriglia

Di
Share

La seconda parte della vita del Che, secondo Soderbergh, riprende dal trionfo della rivoluzione cubana. Assistiamo al celebre discorso che fece nel’64 alle Nazioni Unite e alla decisione di lasciare la famiglia per recarsi in Bolivia ad alimentare una nuova rivolta, fino al capitolo della sua morte.



Il Che non è più la figura centrale e quasi assoluta che abbiamo visto nella prima parte del film. Qui appare meno, ed è visibilmente più cupo e pessimista, come se stesse aspettando la sconfitta, da uomo e da guerrigliero. Una fotografia più tetra e rende bene l’aria opprimente che si respira nella jungla boliviana. Del Toro dimostra ancora una volta la sua bravura e versatilità, regalandoci un Che uomo, più che un Che eroe.
Ora che abbiamo visto entrambe le parti di cui è composta l’opera di Steven Soderbergh, possiamo dire con estrema certezza che si tratta di un unico film. Corale quanto intimo, impossibile da valutare se non nella sua totalità.

Voto 7

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

34 + = 39

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi