San Valentino di sangue in 3D

Di
Share

Remake dell’omonimo horror cult del 1981 (dichiarato da Tarantino “il miglior splatter di tutti i tempi”), San Valentino di sangue torna in sala con in più la terza dimensione. Alla regia, il canadese Patrick Lussier, già visto alla prova con l’horror supernaturale White Noise. Tra i produttori esecutivi, per creare una certa continuità con la pellicola originale, figura John Dunning, già producer del film dell’81.
Al centro della vicenda, la tipica cittadina di provincia americana dove tutto sembra perfetto, non a caso si chiama Harmony. In realtà gli abitanti del luogo hanno gravi segreti da nascondere, la maggior parte dei quali si trova nelle miniere sottostanti.



Vi consigliamo di andare a vedere questo film a stomaco vuoto. E’ uno splatter in piena regola, con sangue ovunque e morti a bizzeffe. Come da tradizione, le vittime più frequenti sono donne, tutte bellissime e possibilmente nude. Ma veniamo al fattore più interessante del film, il 3D. Sicuramente di forte impatto emotivo e visivo, viene strumentalizzato per incutere paura e ribrezzo in chi guarda. La trama è scarna e sin troppo semplice, tuttavia il brivido è assicurato. Numerose le citazioni ad altre pellicole di genere anni Settanta-Ottanta, in un vero e proprio omaggio all’horror low budget che tanto ci hanno terrorizzato nonostante le due sole dimensioni.

Voto 5

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

1 Comment

  1. flessy 7 giugno 2009 at 20:11

    mah!!!
    Non so voi, ma io sono rimasto abbastanza deluso da questo film.
    In realtà più che dal film proprio dal 3d.
    Gli occhialoni hanno pastiche troppo “economici” e fanno male alle orecchie e al naso.
    Soprattutto però ho trovato che si perde il bello del cinema : lo schermo grande. Infatti gli occhiali fanno uno strano effetto “televisore” riducendo di molto la dimensione percepita dello schermo.
    Inoltre, sicuramente per aumentare l’effetto di profondità, hanno usato moltissimo le reti. Proprio le reti. Quelle di ferro e messe in primissimo piano. Da un lato aumenta la profondità di campo ma dall’altro non si capisce un ca…o.
    Le scene più dinamiche diventano una sorta di minestrone. Come se le tre dimensioni si intrecciassero.
    L’unica cosa interessante è stata che, finalmente, mi hanno tolto la curiosità di vedere come sarebbe una scena porno ripresa in 3d. Moolto coinvolgente… se vi piacciono le trecce!!!

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

+ 26 = 32

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi