La ragazza del mio migliore amico

Di
Share

Qualcuno liberi Kate Hudson. L’attrice è ormai imprigionata nel ruolo dell’eterna trentenne afflitta da problemi di cuore e incontri con uomini squinternati, ma ormai non regge più. Intanto perché Kate potrebbe fare molto di più, e poi perché siamo stufi di registi che tentano di scimmiottare i Farrelly ma si premurano di farci pervenire il loro punto di vista sulla misoginia e la volgarità.



Alexis (Hudon) molla il collega Dustin (Jason Biggs) dopo neppure cinque settimane di appuntamenti. Lui si rivolge allora all’amico Tank (Dane Cook), che ha un metodo infallibile per riappiccicare le coppie: fidanzarsi con lei, e comportarsi talmente male da farle rimpiangere lui. Inutile dire che le cose non andranno esattamente in questo modo. E sì, è tutto scontato come sembra. In più, occorre sorbirsi una sequela di umorismo di bassa lega che invoglia ancora meno alla visione. Semplicemente, non c’è niente da ridere.

Voto 4

Share

Comments

About author

Francesco Bernacchio

Appassionato di pop a trecentosessanta gradi, ama il cinema d'evasione, l'animazione e i film che non durino più di due ore.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

+ 22 = 25

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi