Niente paura

Di
Share

Presentato Fuori Concorso alla Mostra del Cinema di Venezia, il film documentario di Piergiorgio Gay è una riflessione sull’identità nazionale che utilizza la musica e il personaggio Luciano Ligabue come vassoio su cui servire spunti e riflessioni sull’Italia. Attraverso le storie personali di uomini e donne più o meno comuni, che assumono però un significato e un valore collettivi, il film ha l’ambizione di descrivere “come siamo” e soprattutto “come eravamo”, sfruttando le note di uno dei cantautori più popolari di questa generazione. Nessuna polemica sul clima politico contemporaneo, fatta eccezione per quel “Auguro la buonanotte a tutti quelli che vivono in questo Paese ma che non si sentono in affitto, perché questo Paese è di chi lo abita e non di chi lo governa”, con cui il Liga nazionale ha terminato uno dei suoi concerti.



Ma possono le canzoni raccontare la società? La musica pop parla di noi e spesso ci ritrae con maggiore lucidità e immediatezza di quanto facciamo noi stessi, partendo dall’emozione e dal ritmo, e legandosi via via a occasioni particolari della nostra vita. E le canzoni di Ligabue, oltre al vasto successo di pubblico che le rende particolarmente esemplari, sono spesso legate a messaggi più esplicitamente politici: quando canta Non c’è tempo per noi, sui maxischermi vengono proiettate le parole della Costituzione, quando nella scaletta dei suoi concerti è la volta di Buonanotte all’Italia, dietro di lui scorrono i volti delle persone che hanno fatto qualcosa di concreto per il nostro paese. In questo film i volti emergono prepotentemente, parlano, comunicano con grande forza, a volte emozionano (fa un certo effetto vedere Giovanni Falcone che racconta col sorriso come combattere la paura). Certo, l’operazione è ambiziosa, ma raramente pecca di retorica o banalità: affronta con semplicità temi importanti come l’integrazione razziale, il testamento biologico, la laicità dello stato. E riesce perfettamente nel suo scopo didattico-divulgativo, senza eccessive pretese artistiche.

Voto 7

Share

Comments

About author

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

24 + = 27

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi