Addio a Maria Schneider

Di Carolina Tocci
Share

Bernardo Bertolucci l’aveva resa l’amante ideale, anche se lei, Maria, aveva sempre detestato quel ruolo che le aveva regalato il successo e che allo stesso tempo era stato capace di rinchiuderla in uno personaggio da cui non era più riuscita a scappare. Quella ragazza con il viso tondo e imbronciato e i lunghi capelli ricci se n’è andata a soli cinquantotto anni a causa di un male incurabile. L’attrice che nel 1972 aveva vent’anni e il mondo del cinema ai piedi dopo aver interpretato la sconosciuta senza nome amante di Brando, nel giro di pochi anni si era trovata ad avere seri problemi di eroina. Dopo vari ricoveri per cercare di uscire dal tunnel della droga, Antonioni le offre un ruolo in Professione Reporter. Nel 1985 Luigi Comencini la dirige in Cercasi Gesù e nel 1996 Franco Zeffirelli la scrittura per interpretare la pazza Bertha, moglie di Mr. Rochester, in Jane Eyre. Ma questo non le è stato sufficiente per tornare a brillare come riusciva a fare in quell’appartamento vuoto, accanto al suo Marlon.



Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

3 + 4 =

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi