Habemus Papam

Di
Share

La Chiesa cattolica è depressa? Di sicuro lo è il pontefice dipinto da Nanni Moretti nel suo nuovo film: appena eletto, si rende conto di non poter affrontare il gravoso incarico e inizia a dare di matto, finendo per fuggire dal Vaticano e lasciandovi imprigionati i vescovi che l’hanno eletto e lo psicoanalista che è stato chiamato per tentare di curarlo. Nessuno può lasciare la Santa Sede fino a quando il Papa non si è affacciato su Piazza San Pietro rivelando la propria identità. Melville (Michel Piccoli) vaga per la capitale cercando di capire qualcosa di sé, finendo per incontrare un’altra psicoanalista (Margherita Buy, moglie del personaggio interpretato da Moretti) e una compagnia di attori.



Interessante analisi della spiritualità e anche del cinema, il nuovo lavoro di Moretti è godibilissimo e impreziosito da momenti di pura comicità agrodolce, nel suo più pieno stile. Purtroppo, qui è lì ci sono degli spunti troppo lenti per trasformarsi in scene godibili. Un continuo saliscendi che finisce per compromettere la qualità del film nella sua interezza, che pure è una buona prova del regista di Ecce Bombo, e meriterebbe di risaltare al Festival di Cannes, al quale parteciperà in concorso.

Voto 7

Cliccate qui per la videointervista di Movielicious a Nanni Moretti.

Share

Comments

About author

Francesco Bernacchio

Appassionato di pop a trecentosessanta gradi, ama il cinema d'evasione, l'animazione e i film che non durino più di due ore.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

+ 27 = 35

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi