Machete

Di
Share

Sfatiamo subito una leggenda: non è vero che Machete trae la sua origine dal leggendario “falso” trailer inserito come un omaggio ai B-Movies in Grindhouse. L’idea di realizzare Machete risale a parecchi anni prima dell’uscita del film diretto da Tarantino nel 2007, per l’esattezza ai primi anni Novanta, nel periodo in cui Robert Rodriguez era al lavoro sul suo secondo lungometraggio, Desperado. Il regista però si rese conto che in quel periodo difficilmente sarebbe riuscito a raggiungere il grande pubblico portando sullo schermo le gesta di un eroe cinematografico latino che rispondeva al nome di Machete. Così dopo anni di gestazione, attente riflessioni e un interessante sodalizio artistico a tre fra Rodriguez Trejo e le armi da taglio (curioso ricordare come in Desperado Danny interpretava un personaggio chiamato Navajas, coltelli; in Dal tramonto all’alba era Razor Charlie e in Predators era Cuchillo, altro termine spagnolo che vuol dire coltello) eccoli di nuovo insieme, questa volta per un progetto più impegnativo.



Presentato lo scorso settembre  al Festival di Venezia, Machete racconta la storia di un ex agente federale messicano (praticamente “CIA, FBI e DEA mescolate tutte insieme nello stesso burrito”) tradito dall’organizzazione che lo ha assoldato per uccidere un senatore americano. Con l’aiuto di suo fratello, un prete piuttosto atipico, pianifica ed esegue una sanguinosa vendetta nei confronti dell’organizzazione e del suo boss. Considerando che Machete porta con sé non meno di quarantaquattro lame nascoste in una giacca di pelle fatta su misura, c’è poco da stare tranquilli.

Rodriguez ci sbatte davanti una carrellata di personaggi meravigliosi e deliranti. A parte Danny Trejo nei panni di Machete, c’è Robert De Niro nei panni del senatore razzista McLaughlin, Jessica Alba in quelli dell’agente Sartana, Michelle Rodriguez, alias Luz,che  ha un camion che vende Tacos come copertura della sua vera attività. E poi una serie di personaggi minori altrettanto indimenticabili: da Lindsay Lohan a Don Johnson a Steven Seagal. Tutti fuori di testa, tutti che sembrano usciti da un telefilm anni Settanta trasmesso da una scadente tv locale. Machete è un film volutamente sporco e iperbolico, caratterizzato da battute fulminanti e da un largo uso di pupe e di ammazzamenti. Incredibile come attraverso un linguaggio e una materia tanto allucinata Rodriguez riesca anche a tirar fuori temi caldi come l’immigrazione o la corruzione dilagante all’interno della politica.

Voto 7

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

+ 12 = 16

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi