Red

Di
Share

Che cosa succede quando gli agenti speciali vanno in pensione? In teoria nulla di strano, ma non se il dipendente a riposo in questione è interpretato da Bruce Willis. Paul Moses (Willis) è un ex agente della CIA specializzato nelle cosiddette operazioni in nero. Vive isolato dal resto del mondo e comunica con poche persone. Quando Michael Beesley, il nuovo capo della CIA, viene a conoscenza dell’esistenza di Moses, di quello che ha fatto e degli scottanti segreti di cui è al corrente, decide di eliminarlo, mettendo sulle sue tracce un giovane e agguerritissimo killer. Ma Paul non è il solo ad esser preso di mira. Con lui, verranno perseguitati anche i suoi ex colleghi Joe (Morgan Freeman), Marvin (John Malkovich) e Victoria (Helen Mirren), divenuti improvvisamente bersagli viventi dell’agenzia per cui anni prima prestavano servizio. Paul Moses dovrà riuscire a sopravvivere, ma non da solo: con lui in quest’avventura ci sarà anche la deliziosa impiegata  e sognatrice Sarah (Mary-Louise Parker).



L’acronimo Red (Retired and extremely dangerous, ossia pensionati e molto pericolosi) rende perfettamente l’idea di questo gruppetto di allegri ragazzi non più giovanissimi ma con grinta da vendere e che si ritrovano, loro malgrado,  coinvolti in un casino di notevoli proporzioni. Nel vederli in azione è impossibile non pensare a un’altra celebre banda cinematografica, quella di Ocean, oppure a quella degli Expandables (I mercenari) di Stallone, entrambe frequentate da Willis. Con un perfetto alternarsi di azione e ironia, Red porta con una buona dose di coraggio degli ultracinquantenni alla ribalta, in una Hollywood sempre più patinata e governata da leggi proprie e insindacabili quando si tratta di bellezza.

Il regista tedesco dal cognome improferibile Robert Schwentke, dopo aver diretto Jodie Foster nel thriller Flightplan dimostra  così di avere ancora parecchio da dire e ancor più da mostrare. La sua Task force di agenti pensionati, liberamente tratta dall’omonima miniserie a fumetti edita dalla DC Comics creata da Warren Ellis e Cully Hamner, funziona alla grande. Ritmo, risate, attori immensi che si dimostrano tali una volta di più interpretando personaggi sopra le righe. E Bruce Willis che nel ruolo dell’uomo che non deve chiedere mai è sempre perfetto, nonostante l’età, nonostante i (mancati) capelli: a lui basta solo uno sguardo. Lo stesso che è bastato a noi per lasciarci sedurre da questo film.

Voto 7

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

+ 12 = 15

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi