Elementare ma non troppo

Di Francesco Bernacchio
Share

Che Guy Ritchie si prendesse il rischio di portarsi a casa le critiche della stampa per aver accettato di girare un seguito con una major era cosa nota, ma il cineasta britannico ha stupito tutti con questo Sherlock Holmes 2 (per tutti: Gioco di ombre): un film incredibilmente più bello e applaidito del primo, che esplora il celebre personaggio con maturità e meno spacconeria. E soprattutto, con un Robert Downey Jr. semplicemente eccezionale, ormai attore brillante qualsiasi cosa decida di fare sullo schermo.
A Roma per presentare il film, Guy e Robert sono sembrati un po’ come Sherlock e Watson, decisamente complici e affiatati. Un film sulla “fratellanza” ha portato l’attore ha dichiarare la sua profonda amicizia per il regista. “E’ assolutamente eccezionale misurarsi con qualcuno che ci sa fare come e più di te. Sarò immodesto, ma Guy è uno di quei pochi”, ha scherzato (ma non troppo) l’attore.
Che rivela di aver letto i romanzi di Conan Doyle solo di recente, per affrontare meglio il personaggio. “Non è che l’Holmes uomo d’azione se lo sia inventato Guy Ritchie, con tutto il rispetto. Basta leggere Doyle per scoprire che Sherlock è tanto cerebrale quanto impulsivo. Adora le armi e la boxe. Questo aspetto è sempre stato lasciato un po’ indietro, ma c’è, ed è interessantissimo”.
L’azione c’è, e ancora ricordiamo delle ferite riportate sul set durante le riprese del primo episodio. “Ho imparato a lasciar fare le scene più pericolose alla controfigura. Stavolta niente lividi e punti di sutura. Però l’ho detto subito a Guy: fammi apparire fantastico e atletico”.
D’altro canto, pare che Guy Ritchie questo a Robert glielo dovesse. “Devo ringraziare Robert e sua moglie, produttrice di entrambe le pellicole, una specie di mia rinascita creativa. “Grazie a Sherlock Holmes ho ripreso i miei interessi letterari e creativi. Spero di portare sullo schermo la mia graphic novel Gamekeeper, che ho scritto e disegnato ai tempi di Sin City e 300“.
Nel frattempo, pare proprio che Ritchie subentrerà a Soderbergh nella regia di Man from U.N.C.L.E, tratto dall serie TV degli anni ’60. Ma di questo non parla. Troppo presto? Elementare, Watson.



Share

Comments

About author

Francesco Bernacchio

Appassionato di pop a trecentosessanta gradi, ama il cinema d'evasione, l'animazione e i film che non durino più di due ore.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

4 + 2 =

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi