La casa di King Kong contro il dottor K, ma appassionatamente!

Di Beppe Fenzi
Share

E’ davvero annosa la questione dei titoli italiani dei film… Roba che bisognerebbe scriverci almeno una tesi di laurea (chissà se ci ha mai pensato qualcuno?)!

Partiamo da un titolo recentissimo, il primo che mi viene in mente: esce Taken e lo intitolano Io vi troverò. Esce Taken 2, dopo un paio d’anni, e diventa Taken la vendetta

Perché prima Taken non andava bene e ora invece sì?!



Che poi, per lo spettatore medio italiano, che va al cinema a vedere “quello là che poi a lui gli rapiscono la figlia, sì, dài, quello là che ha fatto Star Trek, quello delle spade laser, e anche quello di Superman dove però lì faceva il cattivo…”, ecco, per lo spettatore medio non riesco a immaginare il livello di caos che questo titolo potrebbe generare!

Un esempio di caos generato da quello di Taken

E Rise of the Planet of the Apes (L’ascesa del pianeta delle scimmie), che è diventato L’alba del pianeta delle scimmie? Cosa accadrà all’uscita del prossimo film, che si intitola proprio Dawn of the Planet of the Apes? Si son portati avanti col lavoro: lo chiameranno Il pomeriggio del pianeta delle scimmie?

Il caso Thomas Crawford (Fracture, negli USA) ha per protagonista Anthony Hopkins, che nel film interpreta Ted Crawford: nella trama nessuno tra i personaggi principali si chiama Thomas!

Ma questo problema, tutto italiano, c’è da sempre, eh! Cioè, basti pensare, tra i tanti classici di un tempo, a The Sound of Music, che qui diventa Tutti insieme appassionatamente! Ma de che?! Cos’è, un’orgia?!

Il massimo, però lo si è dato nella fantascienza, fin dagli anni Cinquanta: The Incredible Shrinking Man (L’incredibile uomo che rimpicciolisce) in Italia è trasformato in Radiazioni BX: Distruzione uomo; non parliamo poi di The Fly (La mosca), che è intitolato L’esperimento del dottor K., laddove lo scienziato protagonista del film si chiama Andre Delambre, senza K di sorta nel nome… E son solo due esempi, tra i più eclatanti!

Le pellicole di Godzilla & Co., poi, sono un capitolo tutto a parte! Approdate sugli schermi italiani con una cronologia completamente stravolta, solo con certosina pazienza da nerd, si riesce a ricostruirne il corretto ordine. Il terzo lungometraggio della serie, Kingu Kongu tai Gojira (King Kong contro Gojira), diventa Il trionfo di King Kong per i nostri distributori, che evidentemente preferiscono le scimmie alle lucertole.

A Mosura tai Gojira (Mosura contro Gojira) viene affibbiato il ridicolo titolo Watang! Nel favoloso impero dei mostri, ma non è dato sapere se “Watang” sia un nome proprio di persona, una località esotica, una deflagrante onomatopea, o un insulto cinese…

Altro che Cloverfield.

Altro che Cloverfield.

Con Il figlio di Godzilla, invece, essendosi accorti d’aver dato al film un titolo corretto, i furbacchioni del Bel Paese lo ripropongono in riedizione come Il ritorno di Gorgo, furbo riferimento a un’analoga pellicola inglese del 1961.

Se n’era andato?

Se n’era andato?

Kaiju Soshingeki (L’attacco di tutti i mostri) viene titolato, senza alcun ritegno, Gli eredi di King Kong: nel film non c’è l’ombra di una scimmia, piccola o grande che sia!

Ma se pensavamo di avere toccato il fondo, Gojira tai Megaro (Gojira contro Megaro) viene trasformato in Ai confini della realtà, manco si trattasse di un episodio della serie TV di Rod Serling!

Mekagojira no Gyakushu (Il contrattacco di Mekagojira) arriva nel nostro paese con il risibile titolo di Distruggete Kong, la Terra è in pericolo, abile mossa pubblicitaria che (grazie anche a una subdola locandina) cerca di attrarre nelle sale poveri, ignari spettatori che attendono invece di vedere il remake di King Kong prodotto da Dino De Laurentiis. Uno dei nemici che Godzilla affronta nel film, Titanousaurus, viene infatti ribattezzatoTitano Kong, unicamente per giustificare l’altrimenti implausibile titolo maccheronico.

Dai, che ci cascano!

Dai, che ci cascano!

Con Furankenshutain no kaiju-Sanda tai Gaira (I mostri di Frankenstein-Sanda contro Gaira) si verifica un evento piuttosto peculiare: sull’italico suolo il film, dapprima intitolato Katango (e non è ambientato in Africa!), viene rieditato anni dopo con un rinnovato doppiaggio e un diverso titolo, apparendo nelle sale nostrane come Kong, uragano sulla Metropoli. Vi stupite se vi dico che nel film non c’è alcun Kong, e che i due mostri protagonisti diventano dapprima Katango e Gorinka e, in seguito, Kong Verde e Kong Rosso?

Attraversamento pedonale

Attraversamento pedonale

Seconda quanto a popolarità al celeberrimo Godzilla, è Gamera, la tartaruga volante protagonista di svariate pellicole realizzate a partire dagli anni Sessanta.

Se il primo film delle sue avventure resta a tutt’oggi inedito da noi, il seguente episodio, Gamera tai Daikaiju Giron (Gamera Contro il Mostro Gigante Giron), offre la possibilità agli scaltri distributori nostrani di intitolare la pellicola King Kong contro Godzilla, complice un doppiaggio bislacco, che attribuisce a Gamera il nome di “Grande King”, e al suo avversario di turno, Guiron, il nome di “Godzilla”. Molti sono gli sprovveduti che cadono nella rete, e io sono tra costoro…

Va’ che c’è il Fenzi in sala! Che allocco! Ah!Ah!Ah!

Va’ che c’è il Fenzi in sala! Che allocco! Ah!Ah!Ah!

Gli italiani ci riprovano con il successivo capitolo del ciclo, Gamera tai Daikaiju Jeiga (Gamera Contro il Mostro Gigante Jeiga), che da noi infatti si intitola King Kong, l’impero dei draghi: è ovvio che nella trama non appaiono né il gorillone, né tantomeno draghi di qualsivoglia forma.

E vogliamo parlare degli horror?

Nel 1982 esce The Evil Dead, titolo italiano La casa. Nel manifesto viene mostrata una villa vittoriana à la Psycho… Ce ne fosse ombra nel film! E ci fosse anche solo una cosa che possa assomigliare a una villa! No, la vicenda è ambientata in un capanno, uno scalcagnato chalet nei boschi.

Vendesi immobile di pregio, tre camere, doppi bagni, squartatoio comodo al piano.

Vendesi immobile di pregio, tre camere, doppi bagni, squartatoio comodo al piano.

Mesi fa è arrivato il bellissimo The Cabin in the Woods (cabin = capanno), e da noi è diventato Quella casa nel bosco… Da notarsi però che a suo tempo Cabin Fever venne lasciato in originale…

L’anno prossimo uscirà il remake di The Evil Dead, che negli USA si intitolerà Evil Dead, senza il The. Da noi? Se volessero essere coerenti, a ‘sto punto dovrebbero intitolarlo soltanto Casa!

Ma tornando indietro nel tempo è divertente constatare come all’epoca ci siano stati dapprima LA CASA e LA CASA 2 e, in seguito, sull’onda del successo dei film di Raimi, La casa 3, La casa 4, La casa 5 e La casa 7 (che in DVD è diventato La casa!!!). Questi ultimi sono, nell’ordine, tre film italiani e uno statunitense, che ovviamente non c’entrano un beato ciufolo con quelli del dittico originale. Dite che mi sono dimenticato il 6? No, quello, tra un pasticcio e l’altro, se lo sono dimenticati i distributori nostrani, a suo tempo!!!

Quando poi è uscito House lo hanno intitolato Chi è sepolto in quella casa; ; il sequel, House II, è diventato La casa di Helen. House III non è pervenuto, e House IV è rimasto invariato, tanto, a quel punto, chi ci capiva più nulla? Quest’ultimo, peraltro, pare scomparso nel limbo, eppure giuro d’averlo visto al cinema!

C’è anche il vezzo di anglofonizzare i titoli di film stranieri non necessariamente americani. Alcuni esempi? L’horror slasher francese Promenons-Nous dans le Bois diventa Deep in the Woods; l’iberico Mientras Duermes, invece, è tradotto in Bed Time.

Non dimentichiamo poi paradossi televisivi degli anni Settanta: la serie animata Ufo Robot Grendizer da noi si è trasformata in Atlas Ufo Robot. Chi si è sempre chiesto chi diamine sia ‘sto Atlas, deve sapere che agli adattatori italiani venne spedito all’epoca dalla Francia (Oltralpe la serie era già stata mandata in onda) un tomo che spiegava le caratteristiche dell’anime e ne introduceva i personaggi: in copertina campeggiava il vocabolo Atlas (L’ “atlas” è in francese il termine corrispettivo di “bibbia” di una serie televisiva, un volume contenente titoli, sinossi, immagini, eccetera…) seguito dal titolo della serie in terra di Gallia, Ufo Robot

Quelli elencati qui sono solo alcuni tra gli esempi più emblematici: si potrebbe realmente scrivere un’enciclopedia con tutti gli strafalcioni dei titoli e degli adattamenti dialoghi italiani!

(Grazie a Leo Ortolani e al suo ComeNonDetto)

Share

Comments

About author

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

69 + = 77

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi