Mission: Impossible – Rogue Nation

Di
Share

Sarà anche un po’ esaltato, lunatico, narcisista nonché pezzo da novanta della propaganda della Chiesa di Scientology ma a Tom Cruise va riconosciuto un merito, essere il principale esponente di una razza in via di estinsione: quella dei divi. Capace e disposto a mettersi in gioco soprattutto quando non ce n’è più bisogno, trasformandosi nel viscido e panciuto omuncolo ballerino Les Grossman in Tropic Thunder, nel monocolo colonnello von Stauffenberg di Operazione Valchiria, nel guru della setta Seduci e Distruggi in Magnolia e nel vigliacco addetto alle pubbliche relazioni dell’esercito americano che si ritrova in guerra contro gli alieni in Edge of Tomorrow, il 53enne Cruise non molla, anzi rilancia. E torna a vestire i panni del suo alter ego cinematografico, l’agente dell’IMF Ethan Hunt, per la quinta volta: senz’altro la migliore.



Fatta eccezione per Bond, giunto a quota 23 quasi 24, che rappresenta un caso a sé, generalmente i numeri crescenti dei capitoli di un franchise cinematografico sono direttamente proporzionali al loro insuccesso. La saga di Mission: Impossible, nei suoi diciannove anni di vita, ha tenuto egregiamente, incassando giudizi positivi sia di pubblico che di critica e molto probabilmente avrebbe continuato a farlo. Ma proprio quando le cose vanno bene, perché non farle andare alla grande? Una domanda simile devono essersi posti i producer  Tom Cruise e J.J. Abrams che, per far cambiare marcia alla saga sono andati a ingaggiare nientemeno che Christopher McQuarrie, già sceneggiatore feticcio di Brian Singer (I soliti sospetti, Operazione Valchiria), autore dello script di Edge of Tomorrow e regista dell’ottimo e sottovalutato Jack Reacher: La prova decisiva, sempre con Tom Cruise che interpretava una specie di Ethan Hunt.

E il cambio di rotta è servito, perché Christopher McQuarrie confezione un film d’azione anticonvenzionale che, senza stravolgere i canoni del genere, li riscrive e reinterpreta a proprio piacimento e nel farlo conferisce freschezza e nuova linfa a contesto e personaggi. Per farlo utilizza degli espedienti sulla carta anche semplici, ma allo stesso tempo geniali come la decisione di girare le scene action con un parsimoniosissimo utilizzo degli stunt e con un montaggio ridotto ai minimi termini, l’introduzione di scene dalla complessità notevole che difficilmente si vedono in un film d’azione (se escludiamo quelli di Michael Mann) e una linea narrativa romantica mai battuta prima in cui il lui (Ethan Hunt) e la lei (Ilsa Faust, agente segreto che picchia duro) di turno si afferrano e si avvinghiano, si corteggiano e si amano, ma solo “professionalmente”. Cruise, nonostante sia il protagonista, il produttore e il motore trainante di tutta l’operazione Mission: Impossible, in Rogue Nation ha poche battute e in alcuni momenti viene relegato quasi a comprimario, lasciando la scena alla brava e bella Rebecca Ferguson, che la riempie di grazia e intensità, e alle altre azzecatissime spalle, Jeremy Renner, Simon Pegg e la new entry Alec Baldwin.

Ma le scene davvero mozzafiato appartengono di diritto a Super Tom: appeso a un aereo in fase di decollo, protagonista di una lunga sequenza subaquea che leva davvero il fiato, intento a sventare un attentato all’opera di Vienna durante una Turandot la cui Mise-en-scène sarebbe piaciuto molto a Hitchcock (Il suo Uomo che sapeva troppo aleggia in ogni inquadratura), impegnato in uno degli inseguimenti su due ruote migliori che si siano mai visti al cinema e sempre pronto a liberarsi dall’impasse con un paio di acrobazie degne di Jackie Chan.

Benvenuti dunque nella nuova fase Mission: Impossible che, nonostante il reiterarsi della formula, non conosce stanchezza, anzi: nelle mani di Christopher McQuarrie smette di essere solo un ottimo franchise action e, grazie a una gestione degli spazi e dei tempi insolita e calibrata, si trasforma in un sofisticato, divertente e corale gioco coreografico che intrattiene nel migliore dei modi.

Voto 7,5

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

+ 87 = 95

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi