Academy: più donne e membri di minoranze

Di Carolina Tocci
Share

Giovedì 21 gennaio si è tenuta un’assemblea straordinaria durante la quale l’Academy, l’organizzazione americana che assegna i premi Oscar, ha approvato una serie di riforme sulla propria composizione. Il consiglio direttivo dell’Academy – che è composta da persone provenienti da tutto il mondo del cinema, ma che nelle ultime settimane è stata accusata di essere composta quasi solo da uomini bianchi – ha detto che intende «raddoppiare il numero di donne e di membri di minoranze» entro il 2020.

I cambiamenti repentini sono dovuti alle polemiche venute a galla nelle ultime settimane per cui l’Academy era stata accusata di razzismo dato che su 20 attori e attrici nominati per gli Oscar quest’anno, nessuno è nero. Spike Lee il regista noto per essere anche un attivista per i diritti civili, ha annunciato su Facebook che non avrebbe partecipato alla cerimonia degli Oscar per via dell’assenza di nomination ad attori neri. La decisione di Lee è stata seguita anche da Will Smith e da sua moglie Jada Pinkett, a cui si sono aggiunti anche Michael Moore, da David Oyelowo e Mark Ruffalo, candidato come Non Protagonista per Spotlight (ma poi ci ha ripensato e ci sarà).



Ma l’affair che sta coinvolgendo l’Academy sembra non essere facilmente risolvibile, dato che c’è anche chi ritiene che favorire gli attori afroamericani, o gli appartenenti a qualsiasi altra minoranza, sia una anch’essa una forma di discriminazione razziale. Ne è convinto Michael Caine che ha detto che non si può consegnare l’Oscar ad un attore solo perché è nero, mentre Charlotte Rampling, candidata fra le migliori attrici protagoniste per il suo ruolo in 45 anni ha, prima, affermato lo stesso principio: “Boicottare gli Oscar quest’anno è una sorta di razzismo al contrario, contro i bianchi“, per ritrattare subito dopo: “Sono stata fraintesa, quello che volevo dire è che in un mondo ideale ogni individuo dovrebbe avere uguali opportunità“.

Al momento l’Academy è composta da 5.783 membri, il 94% dei quali, bianchi. Le donne sono invece 17. Dopo la riforma l’Academy sarà composta «al 48 per cento da donne e almeno dal 14 per cento di membri di minoranze, come passo iniziale».

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

+ 81 = 83

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi