Oscar 2017: i vincitori, con tanto di colpo di scena finale

Di Carolina Tocci
Share
Moonlight_Oscars_2017

 

Justin Timberlake che canta Can’t stop the feeling: così è iniziata, al Dolby Theatre di Los Angeles, l’89° edizione degli Oscar che si è appena conclusa. È stata una cerimonia, come era prevedibile, molto improntata sulla politica, durante la quale diversi artisti hanno colto l’occasione per pronunciarsi contro Donald Trump e il suo operato. Primo fra tutti il presentatore, Jimmy Kimmel.

 



L’apice della polemica è stato raggiunto però a metà serata, quando è stata annunciata la vittoria dell’Oscar come Miglior Film Straniero per Il cliente di Asghar Farhadi. Il regista non era presente alla cerimonia, come ampiamente annunciato nei giorni scorsi, ha però fatto leggere un discorso molto significativo in cui ha continuato a sostenere la posizioni presa a seguito del Muslim Ban voluto da Trump : “La mia assenza è un atto di rispetto verso i miei concittadini e quelli di altri sei paesi, che hanno subito una mancanza di rispetto per una legge disumana. Dividere il mondo in due categorie, noi e i nostri nemici, porta alla paura”.

Christopher Nelson, insieme ai due italiani Alessandro Bertolazzi e Giorgio Gregorini, sono stati premiati per il Miglior trucco e acconciatura di Suicide Squad mentre Fuocoammare di Gianfranco Rosi, candidato come Miglior documentario, è rimasto a bocca asciutta.

Doppietta per il giovane musicista Justin Hurwitz, vincitore di due Oscar, per la Miglor Colonna Sonora a La La Land e per la Miglior Canzone, City of Stars, sempre per il film diretto da Damien Chazelle.

 

Il premio per il Miglior Attore Protagonista lo ha vinto Casey Affleck per Manchester by the Sea, mentre Emma Stone ha vinto come Migliore Attrice per La La Land.

 

 

 

L’Oscar al Miglior Regista è andato a Damien Chazelle, per La La Land, mentre il premio al Miglior Film è andato a Moonlight di Barry Jenkins con un colpo di scena finale che ha visto prima annunciare La La Land come vincitore della categoria, e poi Warren Beatty, assegnatario del premio, ritrattare ad annuncio già concluso e con la produzione di La La Land che era ormai sul palco a festeggiare la vittoria. “La busta era quella sbagliata” dirà Warren Beatty, per cercare di giustificare lo sgradevole disguido sorto alla fine della cerimonia, ma non deve essere stato facile per la squadra di La La Land scendere da palco dell’Academy un attimo dopo esserci salita da vincitrice.

  Ecco l’elenco dei vincitori degli Oscar 2017 

 

MIGLIOR FILM

La La Land

Moonlight

Manchester by the Sea

Arrival

Lion

Hidden Figures (Il Diritto di Contare)

Hacksaw Ridge

Hell or High Water

Fences (Barriere)

MIGLIOR REGISTA

Damien Chazelle – La La Land

Barry Jenkins – Moonlight

Kenneth Lonergan – Manchester by the Sea

Denis Villeneuve – Arrival

Mel Gibson – Hacksaw Ridge

MIGLIORE ATTRICE

Emma Stone – La La Land

Natalie Portman – Jackie

Isabelle Huppert – Elle

Meryl Streep – Florence Foster Jenkins

Ruth Negga – Loving

MIGLIOR ATTORE

Casey Affleck – Manchester by the Sea

Denzel Washington – Fences

Andrew Garfield – Hacksaw Ridge

Ryan Gosling – La La Land

Viggo Mortensen – Captain Fantastic

MIGLIORE ATTRICE NON PROTAGONISTA

Viola Davis – Fences

Michelle Williams – Manchester by the Sea

Naomie Harris – Moonlight

Nicole Kidman – Lion

Octavia Spencer – Hidden Figures

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA

Mahershala Ali – Moonlight

Jeff Bridges – Hell or High Water

Dev Patel – Lion

Lucas Hedges – Manchester by the Sea

Michael Shannon – Nocturnal Animals

MIGLIOR SCENEGGIATURA ADATTATA

Moonlight – Barry Jenkins, Tarell McCraney

Arrival – Eric Heisserer

Lion – Luke Davies

Fences – August Wilson

Hidden Figures – Allison Schroeder, Theodore Melfi

MIGLIOR SCENEGGIATURA ORIGINALE

La La Land – Damien Chazelle

Manchester by the Sea – Kenneth Lonergan

Hell or High Water – Taylor Sheridan

The Lobster – Efthymis Filippou, Yorgos Lanthimos

20th Century Women – Mike Mills

MIGLIOR FOTOGRAFIA

Linus Sandgren – La La Land

Bradford Young – Arrival

Greig Fraser – Lion

James Laxton – Moonlight

Rodrigo Prieto – Silence

MIGLIOR FILM D’ANIMAZIONE

Zootopia (Zootropolis)

Moana (Oceania)

Kubo and the Two Strings (Kubo e la Spada Magica)

The Red Turtle (La Tartaruga Rossa)

My Life as a Zucchini (La mia Vita da Zucchina)

MIGLIOR DOCUMENTARIO

O.J.: Made in America

13th

I Am Not Your Negro

Fire at Sea (Fuocoammare)

Life, Animated

MIGLIOR FILM STRANIERO

Tanna – Australia

Land of Mine – Denmark

Toni Erdmann – Germany

The Salesman – Iran

A Man Called Ove – Sweden

MIGLIOR CANZONE ORIGINALE

“Audition (The Fools Who Dream)” – La La Land

“City of Stars” – La La Land

“How Far I’ll Go” – Moana

“Can’t Stop the Feeling” – Trolls

“The Empty Chair” – Jim: The James Foley Story

MIGLIOR COLONNA SONORA ORIGINALE

La La Land – Justin Hurwitz

Lion – Dustin O’Halloran and Hauschka

Moonlight – Nicholas Britell

Jackie – Mica Levi

Passengers – Thomas Newman

MIGLIOR MONTAGGIO

La La Land – Tom Cross

Moonlight – Joi McMillon, Nat Sanders

Hacksaw Ridge – John Gilbert

Arrival – Joe Walker

Hell or High Water – Jake Roberts

MIGLIORI EFFETTI VISIVI

Deepwater Horizon

The Jungle Book (Il Libro della Giungla)

Rogue One: A Star Wars Story

Doctor Strange

Kubo and the Two Strings

MIGLIORI COSTUMI

Allied – Joanna Johnston

Fantastic Beasts and Where to Find Them – Colleen Atwood (Animali Fantastici e Dove Trovarli)

Florence Foster Jenkins – Consolata Boyle

Jackie – Madeline Fontaine

La La Land – Mary Zophres

MIGLIOR TRUCCO E PARRUCCO

Suicide Squad – Alessandro Bertolazzi

A Man Called Ove – Love Larson and Eva Con Bahr

Star Trek Beyond – S. Anne Carroll and Joel Harlow

MIGLIORI SCENOGRAFIE

Fantastic Beasts and Where to Find Them – Stuart Craig, James Hambige, Anna Pinnock

Hail, Caesar! – Jess Gonchor, Nancy Haigh

La La Land – David Wasco, Sandy Reynolds-Wasco

Arrival – Patrice Vermette

Passengers – Guy Hendrix Dyas

MIGLIOR MONTAGGIO DEL SONORO

Arrival

Deepwater Horizon

Hacksaw Ridge

La La Land

Sully

MIGLIOR SONORO

Arrival

Hacksaw Ridge

La La Land

Rogue One: A Star Wars Story

13 Hours: The Secret Soldiers of Benghazi

MIGLIOR CORTO (DOCUMENTARIO)

Extremis

4.1 Miles

Joe’s Violin

The White Helmets

Watani: My Homeland

MIGLIOR CORTO (ANIMATO)

Pearl

Pear and Cider Cigarettes

Piper

Blind Vaysha

Borrowed Time

MIGLIOR CORTO (LIVE ACTION)

Ennemis Interieurs

Timecode

Silent Nights

La Femme et la TGV

Sing

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

+ 66 = 75

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi