Netflix porterà a termine il film incompiuto di Orson Welles: The Other Side of the Wind

Di Carolina Tocci
Share
Welles+Huston

Orson Welles e John Huston

Netflix ha annunciato di aver acquistato i diritti globali di The Other Side of the Wind, film mai terminato da Orson Welles (che morì nel 1985 lasciandolo incompiuto a causa di problemi economici). Questo vuol dire che la società finanzierà non solo il completamento della pellicola, ma anche il restauro del girato di Welles. L’opera sarà poi rilasciata sulla piattaforma streaming.

The Other Side of the Wind (il cui protagonista doveva essere John Huston) racconta la storia di un anziano regista di Hollywood, Jake Hannaford, che cerca di tornare sulla breccia con un’ultima opera, intitolata appunto The Other Side of the Wind, ma muore la notte dopo la festa di compleanno per i suoi 70 anni. Il film è stato girato con uno stile molto personale, che alterna fiction e documentario, oltre a vari stili di ripresa, in vari formati (da 8 a 16, fino a 35mm), a colori  e in bianco e nero.

The_Other_Side_of_the_Wind



1.083 bobine sono state portate da Parigi a Los Angeles: si tratta dell’intero film, già tutto girato da Welles ma non montato (e non è cosa da poco), quindi si tratta di decidere cosa mettere dentro e cosa lasciar fuori e, soprattutto, dare un ordine a tutto il materiale, meglio se come lo avrebbe fatto lo stesso regista. Un’impresa che definire titanica è poco, anche se sicuramente le numerose note lasciate da Welles, insieme al contributo di Peter Bogdanovich (regista e attore, amico di Welles e profondo conoscitore della sua opera) si riveleranno più che utili per portare a termine il progetto.

Welles e Bogdanovich nell'agosto del 1970, durante il primo giorno di riprese di The Other Side of the Wind

Welles e Bogdanovich nell’agosto del 1970, durante il primo giorno di riprese di The Other Side of the Wind

Un giorno, dopo una pausa dalle riprese” – ha raccontato Bogdanovich – “Welles mi disse sibillino: Se mi dovesse succedere qualcosa, voglio che sia tu a finirlo. Gli promisi che lo avrei finito e dieci anni dopo, quando Welles morì, il film finì in una cassaforte a Parigi, per una questione non risolta di diritti di proprietà della pellicola. Un film finito, per quanto riguarda il girato, Welles riuscì a montare solo 45 minuti di tutto il materiale e io recentemente ho potuto visionare questo montaggio“.

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

2 + 1 =

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi