Riunione di famiglia

Di
Share

Dieci anni dopo Festen: Festa in famiglia, Thomas Vinterberg si lascia alle spalle l’America e la collaborazione con Von Trier per tornare a casa, e offrirci un seguito che allo stesso tempo è rivisitazione. Benjamin scopre che il padre che credeva morto è in realtà vivo e vegeto, ed è un cantante d’opera che sta per visitare la sua cittadina di provincia a 750 anni dalla fondazione. Sua madre aveva preferito tenergli nascosta la verità, ma la riunione di famiglia è ormai inevitabile.



La trama aperta permette al regista di riscoprire i personaggi di Festen e dare loro una nuova direzione, premendo per mostrarceli sotto una nuova luce. L’umorismo cinico è naturalmente intatto, ma la lezione americana di Vinterberg è decisamente avvertibile. C’è qualche momento in cui si ha la netta sensazione che il film sia inconcludente, ma allo stesso tempo si percepisce che sia quella la direzione ricercata. Da vedere se avete amato Festen, naturalmente.

Voto 6

Share

Comments

Tagged with:

About author

Francesco Bernacchio

Appassionato di pop a trecentosessanta gradi, ama il cinema d'evasione, l'animazione e i film che non durino più di due ore.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

42 + = 52

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi