Role Models

Di
Share

Un film diverso dal solito, questo lavoro di David Wain. Per essere una commedia americana, è fin troppo piena di trentenni frustrati, lavori mal pagati e insoddisfazioni emotive. Al contrario di quello che accadrebbe in Italia, però, dei comportamenti da sballati si scontano: in questo caso, centocinquanta ore come assistenti in un istituto per bambini poco seguiti dalle famiglie. Si crea così un bizzarro quartetto di due adulti e due ragazzi, ognuno con una propria spiccatissima personalità che vuole disperatamente essere liberata. La morale è piuttosto semplice: ciascuno dei protagonisti ha bisogno degli altri per crescere. Ma il racconto di formazione è portato avanti con ironia, intelligenza e un buono script.



Paul Rudd e Sean William Scott, mai emersi davvero fuori dagli USA perché spesso affiancati da coprotagonisti/e più celebri e glamour, sono davvero bravi e adatti alle parti affidate loro. Sebbene il film non risparmi soluzioni facili e un po’ di retorica, alcuni sviluppi sono davvero imprevisti. Soprattutto, Role Models ha il raro pregio di essere un film immediato e divertente ma allo stesso tempo molto delicato. Quel tipo di commedia che oggi, purtroppo, sorprende in quanto rara.

Voto 7

Share

Comments

About author

Francesco Bernacchio

Appassionato di pop a trecentosessanta gradi, ama il cinema d'evasione, l'animazione e i film che non durino più di due ore.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

4 + 5 =

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi