Miss Marzo

Di
Share

Eugene è un adolescente fissato con la purezza e la verginità fino al matrimonio, ma la sera che decide di consumare con la sua ragazza finisce per cadere dalle scale ed entrare in coma. Si risveglia quattro anni dopo, e scopre con disgusto che la dolce e innocente fidanzatina è diventata una modella di Playboy. Tucker, l’unico amico rimastogli dai tempi del liceo, lo aiuterà a riconquistarla nonostante ormai lei sia niente meno che Miss Marzo.



Cregger e Moore sono una specie di Ficarra e Picone americani, anche se sentiamo di offendere i comici siciliani col paragone. Il film, incurante del fatto di essere proiettato in sala, offre una raffica di sketch di dubbio gusto e senza una logica consequenziale, se non la volgarità più bieca. Che, malauguratamente, non riesce a far ridere nemmeno un po’. Del tutto trascurabile.

Voto 2

Share

Comments

Tagged with:

About author

Francesco Bernacchio

Appassionato di pop a trecentosessanta gradi, ama il cinema d'evasione, l'animazione e i film che non durino più di due ore.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

3 + 3 =

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi