Il messaggero – The Haunting in Connecticut

Di
Share

Non ci stupisce più di tanto vedere quanto i protagonisti dei film horror siano propensi a restare in situazioni di terrore pur di mandare avanti il film: è un topos del genere. Tuttavia, appare già fin troppo bizzarro che una famiglia accetti di vivere in una villa sperduta nel bosco con camera mortuaria annessa. Se poi il figlio maggiore della coppia in questione, gravemente malato, dorme nel seminterrato dove vede scene di un passato di sedute spiritiche e profanazione di cadaveri be’, la paura lascia spazio allo stupore: sua madre si limita a sorridere e a ripetere “non morirai”, mentre il figlio viene perseguitato dai fantasmi.



“Basato su una storia vera”, dice il claim del film, regalandoci l’illusione che qualcosa di simile possa essere accaduto sul serio. Il messaggero parte con alcuni elementi interessanti, come ad esempio il legame tra malattia, spettri e vita dopo la morte. Tuttavia, la sceneggiatura fa acqua da tutte le parti e alcune scelte registiche sono tra le più scontate che ci sia capitato di vedere ultimamente. Peccato: una volta tanto eravamo contenti di non assistere a un horror teenageriale, o che fosse un remake.

Voto 5

Share

Comments

Tagged with:

About author

Francesco Bernacchio

Appassionato di pop a trecentosessanta gradi, ama il cinema d'evasione, l'animazione e i film che non durino più di due ore.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

47 + = 51

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi