Il solista

Di
Share

Il giornalista del Los Angeles Times Steve Lopez (Robert Downeyy Jr.) si imbatte in un uomo che suona un violino con solo due corde. E’ Nathaniel Ayers (Jamie Foxx) un senzatetto malato di schizofrenia, che da ragazzo ha frequentato la prestigiosa scuola d’arte Juilliard di New York come violoncellista. Lopez intuisce che la storia di Nathaniel è una bomba per i suoi lettori, così inizia a dedicare alla storia del senzatetto la sua colonna sul giornale per cui lavora. Tra il disincantato giornalista e il geniale musicista si instaura così un rapporto che va ben oltre la semplice amicizia.



Il regista inglese Joe Wright, che ci aveva trascinato nell’inghilterra manierista di Orgoglio e pregiudizio e del successivo Espiazione, cambia bruscamente rotta decidendo di ambientare la sua nuova storia nei sobborghi di Los Angeles tra tossici, disagiati e senzatetto. Ma a conti fatti la sua non risulta una scelta troppo felice: il film è intenso, ma solo grazie alle performance dei due protagonisti. Foxx si ritrova ancora una volta a vestire i panni di un genio della musica (dopo la sua interpretazione in Ray, che gli è valsa un Oscar), mentre Downey Jr. stupisce ancora una volta per l’intensità e la sua incredibile capacità di entrare letteralmente dentro ogni personaggio che interpreta.

Adattato dal romanzo autobiografico del giornalista Steve Lopez, Il solista è un film riuscito solo a metà. L’equilibrio e il pudore che caratterizzano lo stile di Wright non sono adatti a una storia di emarginazione sociale figlia dei nostri giorni. Le ardite soluzioni visive del regista risultano così eccessive e poco amalgamate al tono del racconto, e la microstoria di Steve e Nathaniel finisce per perdersi nell’immensità della metropoli losangelina, senza che riesca a spiccare definitivamente il volo sul disagio che regna in quel mondo.

Voto 6

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

6 + 4 =

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi