Il primo film di Tarantino

Di Carolina Tocci
Share

Il compleanno del mio migliore amico, magari sarebbe stato questo il titolo italiano se il film fosse uscito nelle sale. Invece non è mai accaduto, neanche negli States, dato che la seconda parte è andata completamente distrutta in fase di sviluppo della pellicola. Datato 1987, My Best Friend’s Birthday racconta le vicende di Mickey Burnett (Craig Hamann) che il giorno del suo compleanno perde il lavoro e la ragazza. Clarence (Tarantino), il suo migliore amico, gli organizza un party per sollevargli il morale e per dare un po’ di pepe alla serata, ingaggia Mysty, una squillo. Naturalmente nulla andrà come previsto e i personaggi si troveranno ad affrontare situazioni ai limiti della realtà.

Del film restano intatti solo i primi trentasei minuti, diffusi dal sito Collider.com. La sceneggiatura è stata scritta da Tarantino e Craig Hamann, suo collega ai tempi in cui lavorava nel videonoleggio Manhattan Beach Video Archives, e improvvisato protagonista del film. Quentin era riuscito a convincere lui e gli altri suoi colleghi a mettere insieme seimila dollari per realizzare il suo ambizioso progetto, facendoli partecipare sia come membri del cast che come attori. Un budget decisamente ridicolo se rapportato a quelli di cui dispone oggi, che però non ha impedito a Tarantino di sperimentare alcune situazioni chiave che poi sarebbero divenute il suo marchio di fabbrica. My Best Friend’s Birthday lo ha ispirato non poco per la scrittura di Una vita al massimo (film diretto nel 1993 da Tony Scott), per non parlare della similitudine tra il personaggio di Clarence e quello interpretato da John Travolta in Pulp Fiction, Vincent Vega. I fan di Quentin sapranno riconoscere il suo stile, anche se ancora un tantino acerbo. Buona visione.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=v0cQF8dBK7k&feature=player_embedded#![/youtube]



Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

+ 23 = 31

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi