Il rito

Di
Share

Il giovane Michael Kovak (Colin O’Donoghue) è da sempre in stretto contatto con la morte, aiutando il padre (Rutger Hauer) nell’impresa funebre di famiglia. Per fuggire da quella tetra realtà e avere la possibilità di studiare gratuitamente, Michael entra in seminario, pur non avendo una vera e propria vocazione. Dopo quattro anni, alla vigilia dell’ordinazione a sacerdote, il ragazzo è pronto a rassegnare le dimissioni e ad uscire dal seminario per mancanza di fede. Ma proprio quando è in procinto di abbandonare tutto, riceve una proposta: partecipare a un corso di esorcismo a Roma nell’ambito di un nuovo programma del Vaticano. Benché ancora poco convinto, Michael accetta. L’approccio con il corso non è dei migliori, dato che Michael non crede alla realtà degli esorcismi. Padre Xavier, che tiene il corso, lo spinge così a conoscere un esperto esorcista Padre Lucas (Anthony Hopkins). Sarà con questo stravagante esorcista gallese che Michael inizierà a rivedere le proprie convinzioni.



Ennesimo capitolo di un filone intramontabile e senza fine, Il rito è però destinato a pardersi nel calderone dei film sugli esorcismi. Lontano anni luce dalle pellicole che hanno definito e creato il genere, il film tenta di seguire le tracce dei maestri che hanno portato al cinema il maligno, da William Friedkin (L’esorcista) a Roman Polansky (Rosemary’s Baby), passando per Richard Donner (Omen). Dopo un inizio promettente e realistico, la regia di Håfström (già  autore di Evil: Il ribelle, candidato all’Oscar come Miglior Film Straniero nel 2004) inizia ad andare alla disperata ricerca di originalità, ma con scarsi risultati. Intento a ricordare allo spettatore che la presenza del male si può insinuare in ogni momento nel quotidiano, Håfström cerca di arricchire le atmosfere con espedienti e trucchetti largamente sfruttati dal genere: urla disumane, flashback dominati da tinte cerulee, ossa che scricchiolano e porte che cigolano. Ambientato per gran parte a Roma (interessante la dicotomia tra le scene con caotici ingorghi di traffico alternate a quelle dense di silenzi e sacralità degli edifici Vaticani), Il rito ripropone Anthony Hopkins in un personaggio circondato dal male. Sono lontani i tempi del Dottor Lecter, il cannibale de Il silenzio degli innocenti, e qui l’attore ci offre una prova dignitosa (anche quando parla in italiano) ma difficilmente memorabile. Non male invece il protagonista Colin O’Donoghue che al suo primo film è riuscito a costruire un personaggio credibile che ha nello scetticismo il suo punto di forza. Tra gli attori noterete la presenza discreta di Maria Grazia Cucinotta, accanto a quella molto meno contenuta di Marta Gastini, nei panni di una ragazza in procinto di essere esorcizzata.

Voto 5

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

55 + = 56

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi