Emma Watson a New York

Di Carolina Tocci
Share

Non sappiamo se Emma abbia usato espressioni del tipo “Lei non sa chi sono io” nei confronti del conducente del taxi che le è passato accanto ieri. Ma l’attrice è stata qualche minuto a parlare con un tassista di New-York spiegandogli dove sarebbe dovuta andare, mentre l’uomo si è guardato bene dal farla salire visto che in quel momento era fuori servizio. Insomma, se non basta nemmeno essere Emma Watson per prendere un taxi nell’ora di punta a a Manhattan, non c’è proprio speranza. Se fosse stata ancora Hermione, forse l’avrebbe convinto a prenderla come passeggera a suon di incantesimi, ma adesso che la saga di Harry Potter è giunta al capolinea, le magie per lei sono diventate un ricordo. L’attrice, che ha appena finito di promuovere I doni della morte – Parte II (da ieri nelle nostre sale e già con un incasso di 3.350.000 euro, il più alto nella storia del nostro paese, relativo al primo giorno di programmazione!), era appena stata a fare un giro per negozi in compagnia di alcuni amici, con i quali si era fermata a guardare anche una bancarella che vendeva collane.



Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

1 + 3 =

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi