Pacino seduce con la sua Salomé

Di Carolina Tocci
Share

Un’ossessione. Questo è Wilde Salomé per Al Pacino, per la seconda volta nelle vesti di regista (dopo il docu-drama Riccardo III, Un uomo, un re), a presentare il suo film a Venezia nella sezione Fuori Concorso. Al riprende quello che fu il lavoro più controverso di Oscar Wilde, Salomé, “una storia di lussuria ed ingordigia”. Lo fa in modo affatto banale (e non poteva essere altrimenti), unendo documentario, fiction e improvvisazione per riuscire a dare nuova linfa alla piéce dello scrittore irlandese. L’opera venne scritta da Wilde in francese appositamente per Sarah Bernhardt durante un soggiorno a Parigi. Ma l’attrice non interpretò mai quel personaggio a causa degli scandali che avevano travolto Wilde in quel periodo.

Al Pacino invita il suo pubblico ad osservarlo al lavoro mentre indaga la complessità di Salomé (una strepitosa Jessica Chastain) attraverso la realizzazione di un film, uno spettacolo teatrale e un documentario sulla controversa figura della principessa della Giudea, figlia di Erodiade. Quest’ultima abbandonò il marito e andò a convivere con il cognato Erode Antipa. San Giovanni Battista condannò pubblicamente la condotta del padrino di Salomè tanto che il re lo fece prima imprigionare e poi, per compiacere la bella e seducente figlia di Erodiade, lo fece decapitare. Wilde Salomé è un’opera personalissima e affascinante con un Pacino demiurgo e strabordante come e più del solito, che affascina e seduce.



Avvistato nei pressi dell’Hotel Cipriani di Venezia in compagnia della fidanzata argentina, la trentunenne Lucila Sola, questa sera Pacino verrà insignito del Glory to Filmaker Award durante una cerimonia a lui dedicata.

La Mostra saluta oggi In Concorso il primo film italiano, Terraferma di Emanuele Crialese con Donatella Finocchiaro, in corsa contro Shame di Steve McQueen con Michael Fassbender e Carey Mulligan.

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

4 + 6 =

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi