A Dangerous Method

Di
Share

Tratto dal testo teatrale di Christopher Hampton The Talking Cure, e presentato in concorso alla 68esima Mostra del cinema di Venezia, il nuovo film di Cronenberg esplora le relazioni pericolose tra il ventottenne Carl Gustav Jung, il suo mentore Sigmund Freud e Sabina Spielrein. Quando la giovane ragazza russa viene ricoverata nella clinica psichiatrica Burgholzli di Zurigo, Jung decide di tentare su di lei il trattamento sperimentale di Freud noto come psicoanalisi o terapia delle parole. Grazie alla corrispondenza sul caso, Jung instaura un rapporto d’amicizia con Freud e il loro primo incontro (tredici ore di serrata conversazione) segna una tappa fondamentale della scienza moderna, dando inizio alla storia della psicoanalisi. Il trattamento ha successo e Sabina intraprende la carriera di psichiatra. Jung, invece, prende in cura un suo collega, Otto Gross, convinto sostenitore della amoralità e della libertà sessuale e, sotto la sua influenza, mette da parte il rigore etico e si abbandona ad una trascinante passione per Sabina. I due iniziano una relazione sessuale che cambierà per sempre il volto delle loro vite e di tutta la psicoanalisi.



L’accoppiata tra un regista come Cronenberg e un grande drammaturgo come Hampton è un connubio perfetto che da vita ad un film impeccabile come un meccanismo ad orologeria: la sceneggiatura riesce ad intrecciare alla storia d’amore e di follia anche fatti storici e citazioni dagli scritti dei protagonisti, diventando un continuo duello verbale, un avvincente dibattito di idee. La regia di Cronenberg riesce a combinare un’oggettività estremamente fredda e un coinvolgimento emotivo decisamente violento. Sotto il profilo visivo, il film è raffinato, elegante, quasi accademico, sembra uno di quei film in costume, meravigliosamente orchestrati da James Ivory: fotografia desaturata, quasi neutra, che crea uno sfondo su cui risalta una ricostruzione storica impeccabile, curata nei minimi dettagli delle ambientazioni e dei costumi, in cui tutto è preciso senza essere pittoresco o romantico, senza essere teatro filmato, ma azione vera; movimenti di macchina essenziali ma delicati, sinuosi, morbidi (la carrellata emozionale che si avvicina a Sabina che attende sulla sponda del lago, il plongé sulla barca a vela in cui dormono abbracciati Jung e Sabina, il dolly lento e danzante su Freud che sembra minuscolo in un giardino di Vienna), attenzione ai dettagli, alle sfumature del dialogo e delle emozioni nei primi piani.

Ma il punto di forza del film è rappresentato senza dubbio dagli attori: Michael Fassbender, nel ruolo di Jung, è uno degli attori più affascinanti e corteggiati del momento, vincitore a Venezia della Coppa Volpi per Shame, sempre preciso, essenziale, ma intenso, tagliente. Viggo Mortensen che dà corpo a un Sigmund Freud brillante e quasi buffo, e di cui la regia di Cronenberg accentua volutamente i dettagli grotteschi, più vicini al non-sense della sua poetica. Keira Knightley, sempre più magra e nervosa, perfettamente calata nel ruolo della giovane isterica, che sfoggia un marcato accento russo e un intero repertorio di gesti e smorfie (le mani nervose e sempre contratte in uno spasmo e lo scatto della mascella durante le sedute di psicoanalisi), valorizzata dagli abiti del primo Novecento e dalla regia di Cronenberg, che la fanno apparire ancora più bella e perturbante.
Tutto è bello, elegante, delicato, ma freddo, cerebrale, quasi insensibile: le passioni che travolgono i protagonisti non travolgono anche noi, ci affascinano, ci catturano, ma non emozionano fino in fondo.

Voto: 7

Share

Comments

About author

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

2 + 4 =

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi