I film più caldi del 2012 – Ultima parte

Di Francesco Bernacchio
Share

Terzo e ultimo appuntamento con i trenta film del 2012 che Movielicious attende con più impazienza. Gustatevi qui gli ultimi dieci, sicuri che qualcuno sia sicuramente rimasto fuori e che, soprattutto, non mancheranno gli outsider in grado di sorprenderci durante questo anno appena iniziato.

Qui la prima parte

Qui la seconda parte



007: Skyfall
Di Sam Mendes, 9 novembre

C’è molto mistero intorno al nuovo film di James Bond, se non che Daniel Craig vestirà ancora lo smoking dell’agente al servizio di Sua Maestà. Shanghai, Turchia e Scozia tra le location confermate, Ralph Fiennes avrà una parte (che Movielicious rivela più dettagliatamente qui), e il regista che succederà a Marc Forster è Sam Mendes, da tempo amico di Craig.
Perché lo aspettiamo: Quantum of Solace ci ha deluso, e vogliamo rifarci.

Post Tenebras Lux
Di Carlos Reygadas, uscita non annunciata

Nel 2007, Carlos Reygadas, messicano, stupì il mondo con l’ottimo Silent Light. Un film toccante che parlava di amore e memoria, temi che saranno ripresi anche in questo nuovo lavoro che, già dal titolo, ricorda il lavoro precedente. Il regista torna a lavorare col direttore della fotografia Alexis Zabe.
Perché lo aspettiamo: Reygadas è un giovane maestro.

The End
Di Abbas Kiarostami, metà 2012

Nel 2010 il maestro iraniano ha girato il suo primo film lontano dal paese natio, Certified Copy, ambientato in Toscana. Con The End il regista riprende i temi esplorati nel lavoro precedente ma si sposta in Giappone, dove esplorerà la vita di una studentessa che si prostituisce per mantenersi fino a quando non si innamora di un compagno più grande.
Perché lo aspettiamo: il setting ci intriga parecchio.

The Burial (titolo non confermato)
Di Terrence Malick, autunno

Prima di The Tree Of Life era passato un po’ di tempo, ma per il futuro immediato Malick ha pronti ben quattro film. Uno di questi ha per protagonisti Ben Affleck, Rachel McAdams e Rachel Weisz, e racconta la storia di uno scrittore che tradisce la moglie, che a sua volta lo tradisce.
Perché lo aspettiamo: dopo The Tree Of Life abbiamo ragione di credere che Malick sia tornato in stato di grazia.

The Hunger Games
Di Gary Ross, 23 marzo

Il regista di Pleasantville torna con l’attesissimo adattamento cinematografico del best seller di Suzanne Collins, uno dei libri più amati degli ultimi anni. Racconta la storia di una ragazza che prende il posto della sorella più piccola in un crudele gioco televisivo in cui due ragazzi vengono messi uno contro l’altro in un duello all’ultimo sangue seguito dalle telecamere, fino alla morte di uno dei due.
Perché lo aspettiamo: amiamo quando il cinema esaspera la TV.

Io e te
Di Bernardo Bertolucci, 11 maggio

Otto anni dopo The Dreamers, Bertolucci si è convinto a tornare sul set dopo aver letto il romanzo di Niccolò Ammaniti, su un quattordicenne e la sua problematica sorella maggiore. Un film sull’adolescenza che ha spinto il regista a cimentarsi con un cast di giovanissimi. Hanno fatto già scalpore le sue dichiarazioni sul cinema moderno e sulle nuove tecnologie, a suo dire inadatte a raccontare storie sincere.
Perché lo aspettiamo: ci piace Ammaniti e aspettiamo ancora un adattamento da un suo libro che sia davvero un capolavoro.

The Great Gatsby
Di Baz Luhrmann, 25 dicembre

Il regista di Moulin Rouge, dopo la non felicissima parentesi di Australia, ci porta alla New York dell’epoca del jazz con l’adattamento della storia di Fitzgerald, interpretata da Leonardo DiCaprio e Carey Mulligan. Centoventicinque milioni di budget per un kolossal annunciato, che di certo indulgerà sul look e sul glamour, e per giunta è stato girato in 3D.
Perché lo aspettiamo: ci sono tutti gli ingredienti per renderlo una festa per gli occhi.

Cloud Atlas
Di Tom Tykwer, Andy Wachowski, Lana Wachowski, ottobre

Un cast stellare per interpretare l’adattamento del romanzo di David Mitchell, ambientato in sette diverse epoche storiche vagamente (e misteriosamente) connesse tra loro: Tom Hanks, Susan Sarandon, Halle Berry, Hugh Grant, Jim Broadbent. Ben tre registi e sceneggiatori per riuscire nell’impresa: il tedesco Tom Tykwer (Lola corre) e i fratelli Wachowski, in cerca di riscatto dopo il tonfo post-Matrix.
Perché lo aspettiamo: sembra un adattamento impossibile.

The Avengers
Di Joss Whedon, 4 maggio

Sulla carta è meglio di un porno, per gli amanti dei supereroi. Le saghe Marvel convergono nel film dedicato ai Vendicatori: Thor, Capitan America, Hulk, Iron Man e chi più ne ha più ne metta, con un cast pazzesco preso di peso dalle iterazioni singole della Casa delle Idee. E’ il fumettone annunciato dell’anno, e se sarà buono la metà di quanto è atteso, sarà già un trionfo.
Perché lo aspettiamo: su, dai. Siamo dei nerd.

Porco Rosso: The Last Sortie
Di Hayao Miyazaki, data non confermata

Del film si sa pochissimo, se non che Miyazaki si è deciso a tornare sul personaggio del suo sesto film dopo anni per regalarci un suo nuovo autoritratto. Il maiale aviatore, infatti, è sempre stato l’alter ego del premio Oscar: ora lo vedremo più invecchiato, impegnato nella Guerra Civile Spagnola.
Perché lo aspettiamo: è la prima volta che Miyazaki si cimenta in un sequel diretto, e un motivo ci sarà.

Share

Comments

Tagged with:

About author

Francesco Bernacchio

Appassionato di pop a trecentosessanta gradi, ama il cinema d'evasione, l'animazione e i film che non durino più di due ore.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

56 + = 59

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi