W.E.: Edward e Wallis

Di
Share

Per la serie, la musica non è tutto, ecco avanzare pretenziosamente nel panorama degli autori hollywoodiani la regina del Pop, Madonna, al suo secondo film da regista (già nel 2008 aveva diretto Sacro e profano, una commedia tanto colorata quanto confusionaria, distribuita in Italia, udite udite, dalla Sacher di Nanni Moretti). Lady Ciccone questa volta ha deciso di riaccendere i riflettori sulla leggendaria love story tra Wallis Simpson ed Eoardo VIII d’Inghilterra, una delle vicende sentimentali più mondane degli anni Trenta nonché una delle più singolari crisi istituzionali britanniche.



W.E. è un film di ossessioni e sulle ossessioni: da un lato quella di Madonna nei confronti di Wallis Simpson, una donna d’altri tempi, emancipata e passionale, a cui per sua stessa ammissione ha rivelato di essersi ispirata più e più volte; e dall’altra quella che il personaggio di Wally Winthorp (interpretato da Abbie Cornish), rivolge a tutto ciò che riguarda il Re Edoardo VIII di Inghilterra e la sua amata Wallis Simpson, l’americana con due divorzi alle spalle e svariati amanti alle calcagna per amore della quale decise di abdicare in favore di suo fratello minore Alberto.
La vicenda si sviluppa dunque su due piani paralleli, uno contemporaneo e l’altro storico. Nel primo, una giovane ragazza americana è infelicemente sposata con un uomo che la tradisce e la maltratta. Nel secondo c’è la “vera” (secondo lo sguardo della signora Ciccone) storia d’amore tra Wallis Simpson e il suo bel principe.

Dimenticate quanto veniva scritto sulle pagine dedicate alla cronaca mondana dell’epoca: per Madonna Wallis Simpson non era affatto un’arrampicatrice sociale, ma solo una donna appassionata che aveva scelto di seguire i propri sentimenti. Presentato Fuori Concorso alla 68ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, W.E. si crogiola nei toni del melò più patinato di sempre in cui, se da un lato è evidente la meticolosità e la precisione quasi maniacale per tutto quello che riguarda l’ambientazione d’epoca (i bellissimi abiti, i gioielli, il trucco e parrucco assolutamente perfetti), dall’altro lo è altresì la totale incapacità di emozionare, nonostante una storia simile a disposizione. Al film mancano forma e sostanza. Gli attori si limitano a indossare gli abiti di scena e a pronunciare le battute, mentre della forza coesiva che avrebbe dovuto amalgamare i tanti, troppi, ingredienti e far scivolare i due livelli della storia, permettendole di attraversare i due piani temporali senza intoppi, non c’è neanche l’ombra.

Voto 4

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

3 + 6 =

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi