James Cameron: in principio fu Xenogenesis

Di Carolina Tocci
Share

Prima di diventare il “re del mondo” Grazie a film quali Titanic e Avatar, James Cameron era un giovane camionista che consegnava pasti nelle scuole e nel tempo libero sognava robot e mondi alternativi al nostro. Una sera del 1977 il ventiduenne James andò a vedere Star Wars e uscì dal cinema con una gran rabbia: quel mondo sognato attraverso i racconti di fantascienza che scriveva di suo pugno e i modellini spaziali meticolosamente assemblati, era divenuto realtà nelle mani di George Lucas. Così per dare un senso alle sue ossessioni convinse un gruppo di dentisti californiani a investire ventimila dollari in quella che in seguito lo stesso Cameron descrisse come “la sua versione di Star Wars“: Xenogenesis.

Un corto di dodici minuti girato in 35mm e mai commercializzato. L’esordio di un giovanissimo Cameron non solo alla regia, ma anche alla sceneggiatura, alla fotografia, come tecnico degli effetti speciali e come costruttore di modellini. La storia è quella di un ingegnere e di una donna, inviati in una gigantesca nave spaziale alla ricerca di un luogo dove dare il via a un nuovo ciclo vitale, dopo che la Terra è stata distrutta. L’uomo decide di dare un’occhiata alla nave e s’imbatte in un immenso robot pulitore. Seguirà un aspro combattimento tra il minaccioso automa e un altro alla cui guida c’è Laurie.

Al di là dell’esile trama e dell’aspetto molto datato (Xenogenesis è stato realizzato nel 1978 con pochissimi mezzi a disposizione), quello che colpisce di questo lavoro sono i temi che di lì a pochi anni diventeranno un segno distintivo dello stile cameroniano: le battaglie tra uomini e macchine, l’amore per i mondi futuri, la presenza di figure femminili forti e determinate e una passione viscerale per gli effetti speciali, qui interamente realizzati dallo stesso regista. Una curiosità: i titoli di apertura e di chiusura saranno ripresi in seguito da Cameron per Terminator.

Xenogenesis non trovò mai una distribuzione, ma servì al giovane James a diventare uno degli uomini di punta di Roger Corman, abile com’era a costruire modellini di astronavi. E fu proprio dalla bottega del re degli horror a basso costo che la sua carriera decollò.

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

32 + = 33

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi