Le meraviglie

Di
Share
data-ad-client="ca-pub-6339298367472229" data-ad-slot="9245425072" data-ad-format="auto">

La famiglia raccontata ne Le meraviglie è ancora tardo hippie, comunista nel senso di comune, di luogo di condivisione collettiva in cui edificare una sintesi virtuosa e miniaturizzata d’una società ideale, molto diversa da quella corrotta e distorta dalla storia che è là fuori, sempre pronta ad assediare e ad insidiare la comunità. Il mondo esterno può avvelenare, inoculare il virus del denaro o dell’immagine in una fortino-comunità che oramai per resistere si è semplificata, inscheletrita, sul nucleo più interno e primario, ovvero la famiglia. La famiglia rohwacheriana del ’94 è ancora “ideologica”, legata, come emerge anche da alcuni dialoghi, agli schemi politici degli anni Settanta e oramai condannata a disgregarsi, a cedere alle pressioni esterne. Una famiglia e un casale davvero lontani dal gineceo radical-chic e dal casale-agriturismo raccontati nel 1986 da Mario Monicelli in Speriamo che sia femmina. Film che cercava di fendere un’incrinatura nell’allora compatto kitsch degli anni Ottanta e che anticipava i Novanta, anni ancora abbastanza ricchi ma non più arricchiti, in cui il benessere conquistato si andava raffinando in scelte, in forme di socializzazione meno colorate e consumistiche. Gli anni Novanta della Rohrwacher sono in parte ancora una prosecuzione del decennio precedente.

Così la fata pacchiana e felliniana di una TV locale naïf, interpretata da Monica Bellucci, è l’ultimo personaggio di un mondo del decennio scorso che negli anni seguenti, con passo felpato, abbandonerà la scena, così come un fantasma degli anni Settanta, oramai fuori dalla storia, è anche il capofamiglia rohrwacheriano. Di lì a poco, l’esplosione della telefonia mobile, seguita da quella di Internet, fino a scavallare il Duemila e trovarsi improvvisamente in un altro paesaggio antropologico, sospeso tra benessere e crisi. Le meraviglie adotta uno stile ibrido, volutamente non estetizzante, in cui la “meraviglia” è nelle piccole cose, nelle piccole vite (a partire da quelle delle api), nei minimi spostamenti dei sentimenti e degli affetti. Un sentimento di meraviglia verso l’esistenza e la realtà – particolarmente espresso nell’età della protagonista Gelsomina – che avvicina il film allo spirito di Respiro di Emanuele Crialese ma anche al cinema “spoglio e meravigliato” di Salvatore Mereu; penso a Ballo a tre passi o a Bellas mariposas. Ovviamente la fata kitsch della Bellucci e un cammello comprato dal capofamiglia farebbero pensare a un certo manierismo fellinista mentre l’ambientazione, a certe periferie di Uccellacci e uccellini se non, addirittura, ai desolati panorami di Ciprì e Maresco. Ma tutti questi parallelismi con altri autori si rivelano presto inesatti. Lo stile di Alice Rohrwacher deve ancora evolvere e definirsi ma è già abbastanza originale ed interessante. Ed è ottima anche la mano con cui dirige gli attori, innanzi tutto Gelsomina, una intensa Maria Aleandra Lungu. Le meraviglie è un bel film che però, come gli anni che racconta,  probabilmente è un ponte cinematografico che porterà l’autrice, se seguirà queste giuste premesse, ad elaborare ulteriormente una propria estetica, ancora più potente e definita.

Voto 7

Recensione a cura di Raffaele Rivieccio
(www.binarioloco.it)

Share

Comments

About author

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

+ 85 = 94

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi