Robin Williams trovato morto in casa

Di Carolina Tocci
Share

È stato un suicidio. Questa l’ipotesi della polizia californiana che porta avanti le indagini sulla morte di Robin Williams. L’attore, che era in cura per depressione, si sarebbe impiccato nella sua abitazione di Tiburon, nella baia di San Francisco, provocandosi l’asfissia che lo ha ucciso.

L’undici agosto, alle 11:55, il 911 ha ricevuto una telefonata che informava di uomo trovato privo di conoscenza. Si trattava, appunto, di Robbie Williams che è stato dichiarato morto alle 12,02 (ora locale).



Il corpo dell’attore è stato ritrovato in posizione seduta, leggermente sospeso da terra tra la porta e il telaio, con una cintura al collo. Aveva degli indumenti indosso, ma non era completamente vestito. La polizia non ha precisato in che stanza sia stato trovato il corpo o se Williams abbia lasciato un biglietto. Sul polso sono evidenti dei tagli trasversali, recenti e superficiali che però non sono la causa della morte. Vicino al corpo è stato rinvenuto anche un coltello da tasca sporco di sangue. Le analisi confermeranno se si tratta di quello dell’attore.

Il corpo senza vita è stato trovato dalla sua assistente personale, secondo quanto ha confermato lo sceriffo della polizia di Marin County in conferenza stampa. La moglie dell’attore era in casa ma i due dormivano in camere separate.

L’indagine è ancora in corso. Devono essere effettuate le analisi tossicologiche per capire se l’attore fosse in grado di intendere e di volere perché qualche sostanza potrebbe aver influenzato i suoi comportamenti. – See more at: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Robin-Williams-si-sarebbe-impiccato-cf08d0a0-7b9a-4e82-862d-09bb15b74a2f.html#sthash.qWhRecM3.dpuf

Il mondo dello spettacolo oggi perde un altro dei suoi artisti più sensibili e poliedrici. L’attore americano Robin Williams, 63 anni, è stato trovato morto, probabilmente suicida, nella sua abitazione di Tiburon, in California. Da tempo soffriva di una grave depressione e lo scorso luglio era andato in un centro per disintossicarsi dall’alcol per l’ennesima volta.

In base alle prime informazioni, l’attore premio Oscar è stato visto vivo ieri sera intorno alle 22,00 dalla moglie Susan Schneider. Stamattina la polizia ha ricevuto una chiamata nella quale si sollecitata un intervento per rianimare un uomo che non respirava nell’abitazione dell’attore a Tiburon. Ma al loro arrivo, i paramedici non hanno potuto far altro che constatarne il decesso. Si sospetta che l’attore sia morto per asfissia, ma il caso è sotto esame dell’ufficio del procuratore distrettuale dove verranno eseguiti esami tossicologici.

Nato a Chicago da una ex modella e da un dirigente della Ford, si era trasferito in California nel 1967 insieme alla sua famiglia. Robin si diploma nel 1971 e si iscrive alla facoltà di scienze politiche al Claremont Men’s College, dove scopre la sua passione per il teatro. Abbandonati gli studi si iscrive al prestigioso istituto di recitazione Juilliard School di New York. La sua formazione teatrale gli consente di ottenere una grande popolarità televisiva sul finire degli anni Settanta interpretando l’alieno Mork nella serie tv Mork & Mindy (1978-1982); in seguito, è stato protagonista sul grande schermo di ruoli brillanti in pellicole di notevole successo, in cui ha interpretato ruoli brillanti e comici, ma anche drammatici. Protagonista di numerosi film, da Good Morning Vietnam a Hook – Capitan Uncino, L’attimo fuggente e Mrs. Doubtfire, Robin Williams ha vinto un Oscar nel 1997 come Miglior Attore Non Protagonista per Will Hunting – Genio ribelle diretto da Gus Van Sant. Si era riaffacciato in tv per la serie comica, The Crazy Ones cancellata dopo una sola stagione. Lo vedremo di nuovo al cinema nel terzo film della triologia, Una notte al museo: il segreto della tomba, in uscita nelle sale il 19 dicembre. E ci mancherà da morire.

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

7 + 1 =

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi