Whiplash

Di
Share

E’ uno degli attori feticcio di Sam Raimi (era in Gioco d’amore, The Gift e nei 3 Spider-Man), dei fratelli Coen (Ladykillers, Burn after Reading, Il Grinta) e di Jason Reitman (Thank You for Smoking, Juno, Tra le nuvole), per non parlare delle numerose serie TV cui ha preso parte. Il suo è un volto assolutamente noto, eppure doveva arrivare uno sbarbatello come Damien Chazelle, classe 1985 (qui al suo secondo lungometraggio, dopo Guy and Madeline on a Park Bench), per fare in modo che il nome di J.K. Simmons non lo dimentichi più nessuno. In Whiplash è Terence Fletcher, insegnante di batteria di mezza età temuto da tutti nel conservatorio di Manhattan per i metodi adottati, tutt’altro che ortodossi, fatti di schiaffi, sedie lanciate e ogni tipo di violenza verbale e psicologica nei confronti degli allievi. Tra loro c’è anche il giovanissimo e talentuoso Andrew (Miles Teller) che non ha tempo per gli amici o le ragazze, ma si dedica soltanto alla batteria e al jazz. Così prova dopo prova, sessione dopo sessione, il percorso di Andrew per diventare il nuovo Buddy Rich sarà a dir poco devastante e, naturalmente, legato a doppio filo con quello di Fletcher.



Nato come un corto e riscritto come un lungometraggio, Presentato al Sundance lo scorso anno dove ha conquistato il premio della giuria e quello del pubblico, vincitore di un Golden Globe (andato proprio a J.K. Simmons e alla sua performance impeccabile e granitica), Whiplash è l’outsider degli Oscar di quest’anno, dove arriva con 5 nomination tra cui quella per il Miglior Film. Pellicola che odora di indie sin dalla prima inquadratura (prodotta non a caso da Jason Reitman) girata in una ventina di giorni con un budget di tre milioni di dollari e un numero di attori che si contano sulle dita di una mano,  è la dimostrazione di quanto il cinema possa andare lontano, raccontando storie piccole piccole eppure eccezionali.

Prendendo la musica come pretesto, Chazelle mette in scena un perfetto bildungsroman dei nostri giorni unito a una buona dose di American Dream: per Andrew la batteria rappresenta la crescita e non si accontenta di diventare bravo, ma aspira ad essere il migliore. Condisce la sua storia con un po’ di duro allenamento (Rocky, Million Dollar Baby e Batman Begins, ma anche Il discorso del re, insegnano) e aggiunge un buona dose di dsciplina ferrea à la Full Metal Jacket (di fatto Andrew viene sottoposto a un training di stampo militaristico da parte di Fletcher che ricorda molto quello adottato dal sergente Hartman del film di Kubrick). Whiplash è il Jazz che vince sul Rock a suon di sudore, mani sanguinanti e sessioni sfiancanti: se non hai talento finirai per suonare in una rockband, recita un foglio appeso in camera di Andrew. Con una storia impostata interamente sul confronto/scontro tra i due protagonisti (nonostante per le categorie dei premi il suo sia un “Supporting Role”, riesce davvero difficile incasellare Simmons come semplice comprimario) e un ritmo che le cresce dentro fino quasi a farla esplodere, Whiplash racconta la voglia di primeggiare a ogni costo in un modo intenso e viscerale. La dedizione di Andrew a poco a poco diventa ossessione sotto i nostri occhi, abnegazione pura nei confronti della sua batteria, un mostro che gli fa lasciare indietro tutto e tutti e che si nutre del suo non voler essere secondo a nessuno.
Poi un cambio di prospettiva: allora la sfida, più che con Fletcher, diventa con se stesso. Fino all’epilogo, da standing ovation.

Voto 8,5

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

49 + = 51

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi