Venezia 72 – Giorno 10

Di Andrea Bosco
Share

Gli uomini di questa città io non li conosco

Se il percorso dei nostrani aspiranti al Leone resta pericolosamente in salita, fra la vanità di Guadagnino, l’appannamento di Bellocchio e il formalismo di Messina, è dalla divisione non competitiva che continuano ad affacciarsi, dopo l’eccellente doc di Pannone e l’accoglienza trionfale tributata a Caligari, i risultati più convincenti: non fa eccezione, come ampiamente previsto, la nuova sortita nella non-fiction di Franco Maresco, l’omaggio che il co-autore di CinicoTv ha tributato all’amico e nume ispiratore Franco Scaldati e che rappresenta non solo un profilo biografico privato e artistico del più importante esponente dell’avanguardia palermitana, ma anche una cronologia delle metamorfosi sociopolitiche della realtà siciliana, dal crogiuolo post-sessantottino della scena teatrale off all’ascesa di Cosa Nostra, dall’instaurarsi subdolo del berlusconismo all’abisso post-ideologico del nuovo secolo.

Gli uomini di questa città io non li conosco è quindi opera personale e generazionale, umilissima nel suo riconoscere e ammettere il forte debito del proprio artefice nei confronti di un mentore rimasto nell’ombra e spavalda – fin troppo, come nella gratuita, ancorché goduriosa, stoccata alla “discesa in campo più vergognosa della nostra Storia – nella propria militanza contro l’istupidimento generale (agghiacciante, e già di culto, l’epilogo in cui, a due anni dalla sua scomparsa, Scaldati sembra già sparito dalla memoria e in cui viene incomprensibilmente tirato in ballo Stefano Accorsi), commovente, come nella testimonianza dello storico collaboratore Gaspare Cucinella, ed esilarante – assolutamente impagabile la testimonianza finale di Luigi Maria Burruano -, un percorso prezioso, ravvicinato e compendiario all’interno della vita (tormentata, generosa e inquieta) e dell’arte (eterodossa e disperata) del protagonista di un Paese reale da riscoprire.

Le Giornate degli Autori, d’altro canto, mettono a segno il loro primo centro perfetto in chiusura di programma con il cinese Underground Fragrance, notevolissima e microscopica tragedia suburbana all’ombra della speculazione edilizia che miscela il rigore e la purezza laconica dello Tsai Ming-Liang dei bei tempi andati (d’altronde l’esordiente regista Song Pengfei nasce come suo aiuto regista) con il romanticismo viscerale e discreto di Wong Kar-Wai, tratteggiando il ritratto di una Pechino cannibale e disumana, fragile e cagionevole dietro la maschera sana e asettica – la stessa che si vedrà successivamente in Concorso con Behemoth – di un progresso economico di pura facciata.

Behemot di Zhao LIang

Behemot di Zhao LIang

Si resta nella Cina più profonda e sconosciuta affrontando il terzo vertice assoluto della competizione principale, ultima cuspide (dopo Sokurov e Gitai) di una triade sperimentale che ha sancito la netta superiorità di un Cinema Altro, antinarrativo, visionario e totalmente immersivo rispetto al resto della selezione. Behemoth di Zhao Liang è un poema civile allegorico, apocalittico, immaginifico e necessario che si propone come laica Divina Commedia moderna, divisa fra l’Inferno delle miniere di ferro, mostro possente e vorace quanto la creatura biblica che dà titolo al film, il Purgatorio degli ospedali che accolgono centinaia di operai distrutti dalle malattie polmonari e il Paradiso paradossale dei chilometrici, imponenti centri residenziali eretti in mezzo al nulla e ancora spettralmente disabitati.
L’esito è una sequenza ininterrotta di immagini frastornanti che passano dall’incantevole (i paesaggi incontaminati che circondano i cantieri) all’atroce (la disperazione dei minatori ricoverati e delle loro famiglie), un esempio di miracolosa simbiosi di militanza senza compromessi e di meditazione estetica che scuote e ipnotizza come l’Herzog più scatenato, di sicuro la rivelazione più imprescindibile che la Mostra abbia avuto il coraggio di inserire in programma.

Il decalogo di Vasco

Il decalogo di Vasco

E dopo un’intera seconda metà di programmazione giornaliera buttata via con Il decalogo di Vasco a occupare ingiustificatamente ambo gli slot serali della Sala Darsena, solitamente riservati alla sezione principale o ai più altisonanti documentari Fuori Concorso, e a sguinzagliare per il Lido centinaia di adepti bercianti e mezzi ciucchi che hanno, fra le altre cose, ridotto le zone attigue al red carpet un’autentica pattumiera, arriva la mattina successiva a ricucire le ferite di un Concorso troppo azzoppato dalle incertezze iniziali per dirsi totalmente equilibrato l’attesissimo ritorno alla finzione di Giuseppe M. Gaudino dai tempi del mirabile e arcano esordio di Giro di lune tra terra e mare. Per amor vostro smorza il labirintico ermetismo della pellicola precedente e presenta un ritratto più accessibile di Napoli e dei suoi misteri, pur non rinunciando alle usuali stravaganze (animazioni, tableaux vivants, accelerazioni, parentesi musicali – con eccellenti composizioni folk degli Epsilon Indi -, scene oniriche, flashback stranianti) e dando vita a un intreccio volutamente slabbrato, riflessivo e incentrato, più che su una concatenazione di eventi, sulle contraddizioni e sui sommovimenti emotivi di una fauna di personaggi calata in una realtà popolare dominata dall’omertà e dall’usura.

Il cast di Per amor vostro

Il cast di Per amor vostro

Ne risulta un film tanto eccentrico quanto pulsante che colma le fragilità di struttura con un’energia intrinseca dirompente e contagiosa, un incantesimo sottoproletario di grande fascino e un caleidoscopio sinestetico di suggestioni disarmanti che può contare sulla performance maiuscola di una Valeria Golino già sicura Coppa Volpi – e sarebbe la seconda -,  interprete ideale e insostituibile di un ruolo di popolaresca, combattiva umanità degno dei maggiori personaggi di Anna Magnani.

Share

Comments

About author

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

4 + 6 =

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi