The Hateful Eight: perché vederlo in 70mm

Di Carolina Tocci
Share

hateful-8-70mm

Ormai sappiamo che The Hateful Eight, attesa pellicola di Quentin Tarantino, uscirà in due versioni differenti: una in formato 70mm per le poche sale attrezzate, e un’altra in formato standard che sarà proiettata nella maggior parte delle sale che programmeranno il film.

Ma perché Tarantino ha voluto realizzare il suo western in 70 mm e che cosa aggiungerà questo formato in più alla pellicola? Ma soprattutto che cos’è un roadshow?
A spiegarcelo è lo stesso regista, accompagnato da alcuni suoi collaboratori, compreso Samuel L. Jackson. Di certo chi avrà la fortuna di vedere The Hateful Eight in 70 mm potrà ammirare paesaggi particolarmente spettacolari e molti più dettagli.



Nella featurette che segue ci sono alcuni dettagli sulle attrezzature tecniche utilizzate sul set e qualche sequenza inedita del lungometraggio. The Hateful Eight arriverà nelle sale italiane il 4 febbraio 2016. Il pubblico americano, invece, potrà goderselo già dal 25 dicembre.

Sul finire degli anni Cinquanta, per lanciare un film in formato panoramico, si iniziava con un’uscita limitata a poche sale, chiamata appunto roadshow. Erano vere e proprie serate di gala in cui lo spettacolo era introdotto da una ouverture musicale, c’era un intervallo durante il quale il pubblico poteva commentare quello che aveva visto e allo spettatore veniva consegnato anche un programma di sala, proprio come a teatro. Di solito le versioni cinematografiche dei roadshow erano anche più lunghe di quelle che arrivavano nei cinema.

I film lanciati con questa formula ormai dimenticata furono Ben Hur e Via col vento ma anche Lawrence d’Arabia; The Hateful Eight è stato girato in Ultra Panavision e Tarantino ha ricordato come sia stato letteralmente conquistato dalla spettacolarità di Ben Hur durante una visione in quel formato. Da lì la sua determinazione nel creare un’opera visivamente altrettanto coinvolgente.

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

7 + 2 =

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi