Una notte con la regina

Di Carolina Tocci
Share

Scheda
(A Royal Night Out, UK, 2015)
Uscita: 7 aprile 2016
Regia: Julian Jarrold
Con: Sarah Gadon, Bel Powley, Jack Reynor, Rupert Everett, Emily Watson
Durata: 1 ora e 37 minuti
Distribuito da: Teodora Film

A_Royal_Night_Out

Curioso come Julian Jarrold abbia fatto delnormale” che si trova ad affrontare il “diverso” un elemento caratteristico del suo cinema, soprattutto se inserito in una storia di rivalsa sociale. Un elemento ben presente in Kinky Boots, stravagante commedia su una fabbrica di scarpe vecchio stampo che si salva dal fallimento iniziando a produrre eccentrici stivali per drag queen, e anche in Becoming Jane, pellicola nella quale il regista inglese ha inserito, un po’ forzatamente, i tormenti e le ambizioni presenti in Orgoglio e Pregiudizio nella vita privata di Jane Austen, nella realtà ben più monotona. Ed è presente anche in Una notte con la regina, garbata commedia che prende spunto da un episodio realmente accaduto, su cui Jarrold ricama un po’ su,  confezionando un prodotto godibile ed estremamente british.

A_Royal_Night_Out_2

Londra, 8 maggio 1945. In tutta Europa si celebra la giornata della Vittoria. Gli Alleati accettano la resa incondizionata dell’esercito nazista e nella capitale inglese esplode la gioia della gente che si riversa nelle strade per festeggiare la fine della Seconda Guerra Mondiale. Le due giovani principesse Elizabeth (Sarah Gadon) e Margaret Windsor (Bel Powley), affascinate da quel brulichio di persone, riescono a strappare a Re Giorgio VI (Rupert Everett) e alla Regina (Emily Watson) il permesso di uscire, a patto che accettino la scorta di due ufficiali, che non lascino l’Hotel Ritz e che rientrino entro mezzanotte. Ma Margaret riesce a sgattaiolare via dall’hotel, costringendo Elizabeth a inseguirla per tutta Londra.

Lo spunto da cui prende il via Una notte con la regina è buono e l’idea delle due principesse in giro per Londra in incognito non fanno che rafforzarlo. Naturalmente Julian Jarrold si è divertito anche qui, come nel caso di Becoming Jane, a romanzare molto una storia vera ma di cui non si conoscono i dettagli, soprattutto quelli più squisitamente romantici: nello specifico l’incontro tra la futura regina Elisabetta e il giovane aviere Jack (Jack Reynor) che ignora chi la ragazza sia in realtà, così come tutte le persone incontrate in quella folle, magica notte. Commedia vivace e ingenua che si fregia di un cast notevole (Rupert Everett è perfetto nei panni del re balbuziente, così come Sarah Gadon, attrice feticcio di David Cronenberg, in quelli della giovane Elisabetta) che trova nell’interpretazione di Bel Powley, una principessa Margareth un po’ goffa e alla costante ricerca di attenzione, un concentrato di freschezza e vivacità.

Voto 6,5

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

14 + = 17

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi