Cannes: i 10 capolavori italiani rimasti a mani vuote

Di Andrea Bosco
Share
sophia-loren-una-giornata-particolare

Una giornata particolare – Ettore Scola

Si apre oggi la 69° edizione del Festival di Cannes: tanti film, tantissime star e, come ogni anno, sicuramente anche qualche polemica. Ed è a questo proposito che abbiamo voluto ripensare a dieci grandi smacchi fatti al nostro cinema dal Festival, non premiando pellicole presentate In Concorso, poi diventate colonne portanti della cinematografia nostrana.

1949: Riso amaro, Giuseppe De Santis

Plausibilmente adombrato, nel primo palmarès onnicomprensivo della storia della manifestazione, dal trionfo de Il terzo uomo di Reed, il classico che rivelò la Mangano e cortocircuitò la produzione nostrana dell’epoca rimane a mani vuote in un concorso sovrabbondante e perlopiù oggi piombato nell’oblio.



1952: Umberto D., Vittorio de Sica

Umberto_D

Reduce dal Grand Prix conquistato l’anno prima da Miracolo a Milano, De Sica tenta il clamoroso uno-due con un’ulteriore pietra miliare, ma la giuria gli favorisce, insieme a due dimenticabili prodotti locali, le tinte più rassicuranti del conterraneo Due soldi di speranza: è il sorpasso del Neorealismo Rosa.

1966: L’armata Brancaleone, Mario Monicelli

C’è poco da sindacare in un’edizione in grado di assegnare a Pietro Germi e al suo Signore & signori il premio maggiore: peccato che a farne le spese sia il folle, irripetibile esperimento di Monicelli, in una delle annate, tra il Falstaff di Welles e l’irresistibile Alfie, più agguerrite di sempre.

1969: Dillinger è morto, Marco Ferreri

Niente da fare per la delegazione italiana al Festival, dove a svettare sul resto sono la controcultura sessantottina di Se… e l’antagonismo di Z – L’orgia del potere e di Adalen ’31: il film-manifesto di Marco Ferreri, poco prima della pioggia di fischi che accoglierà La grande bouffe, partecipa senza lasciare traccia.

1975: Professione: reporter, Michelangelo Antonioni

Professione_Reporter

Con due Premi Speciali e una Palma d’Oro all’attivo, Antonioni resta uno dei beniamini di Cannes, ma il suo ultimo miracolo prima della lenta decadenza passa scandalosamente sotto silenzio; sarà il mediocre Identificazione di una donna, sette anni più tardi, a riequilibrare, immeritatamente, i torti.

1977: Una giornata particolare, Ettore Scola

Ottenuto il Prix de la mise en scène per Brutti, sporchi e cattivi, Scola gioca al rialzo dodici mesi dopo, ma a ergersi su una selezione incapace di vedersi assegnato tanto il riconoscimento al miglior regista quanto il Gran Premio Speciale è, fra la sorpresa e la contestazione, Padre padrone dei fratelli Taviani.

2001: Il mestiere delle armi, Ermanno Olmi

Il_Mestiere_Delle_Armi

Devono passare oltre due decenni da L’albero degli zoccoli prima che la Palma d’oro, con La stanza del figlio, attraversi di nuovo le Alpi: senza nulla togliere a Moretti, risarcito dopo la vittoria mancata di Caro diario, il vero campione tricolore della stagione festivaliera portava ancora la firma di Ermanno Olmi.

2002: L’ora di religione, Marco Bellocchio

Se fra il cineasta emiliano e il Lido esiste da sempre un rapporto infuocato e contrastato, quello con la Croisette è segnato da una colpevole indifferenza: risolto il lungo periodo della crisi, Bellocchio sigla il capolavoro della maturità, ma patisce la concorrenza spietata di Polanski, Kaurismaki, dei Dardenne e di P.T. Anderson.

2009: Vincere, Marco Bellocchio

Di nuovo in gara con un altro opus magnum, il regista de I pugni in tasca incassa una sconfitta ancor più pesante, travolto da quell’aura di violenza belluina che, da Haneke a Mendoza, passando per Audiard, Park e Von Trier, accomuna e riunisce tutti i vincitori dell’edizione, fra le più combattute dello scorso decennio.

2015: Mia madre, Nanni Moretti

Mia_Madre

Dato inizialmente tra i favoriti e accolto con il solito entusiasmo dai padroni di casa, il capitolo più disarmante e intimo della filmografia morettiana è la vittima più illustre della débacle italiana dell’anno passato, azzoppata da verdetti al limite dello sciovinismo ma, come testimonia la classifica dei Cahiers, capace di imporsi sulla lunga distanza.

 

Share

Comments

About author

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

2 + 3 =

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi