Wilde Salomé

Di
Share

Wilde_Salomé_Recensione

La storia di un’ossessione“, con queste parole Al Pacino presentò nel 2011, alla Mostra del Cinema di Venezia Wilde Salomé pellicola da lui diretta e interpretata, un ibrido che mescola sapientemente cinema, teatro e documentario. Adattamento della più controversa opera di Oscar Wilde, la terza regia di Pacino è una storia di avidità e vendetta che, in modo inconvenzionale, racconta la leggenda del re Erode (Al Pacino) e del suo insano desiderio per la conturbante figliastra Salomé (Jessica Chastain), innamorata a sua volta di Iokanaan/Giovanni Battista (Kevin Anderson). Nel tentativo di voler andare oltre il testo scritto dall’autore irlandese e anche oltre la sua rappresentazione, Pacino prepara al contempo un film, un’opera teatrale e un documentario contenente i diversi passaggi che lo hanno portato all’elaborazione della sua personale Salomé.



Wilde-Salome1

Niente scenografie, nessun orpello in questo reportage sul lavoro d’attore  che si avvicina molto a quello già realizzato da Pacino nel 1996, Riccardo III – Un uomo, un re. In Wilde Salomé però l’odore di sperimentazione che si respira è ancora più profondo e la messinscena spoglia, che tanto somiglia a un reading, ci riconsegna tutta la potenza e la drammaticità delle parole di Wilde. Ma non è tutto. Perché l’istrionico Al ci accompagna anche negli anfratti più dolorosi della vita del drammaturgo irlandese, recandosi nei luoghi in cui ha vissuto e,  avvalendosi di contributi illustri come quelli del dublinese Bono Vox, di Gore Vidal, di Tom Stoppard e di Merlin Holland, nipote di Wilde,  ne ricostruisce gli strazi.
Intuendo nell’unica opera scritta in francese dal brillante autore una profetizzazione neanche tanto velata del dramma che di lì a poco avrebbe travolto la sua vita (i processi per omosessualità e la condanna al carcere e ai lavori forzati che ne seguì), Pacino la trasforma in una perfetta parabola sul potere distruttivo della sessualità e, nello stesso tempo, in un commosso omaggio alla grandezza e al raffinato intelletto di un uomo troppo avanti per il suo tempo. Jessica Chastain è una splendida Salomé, ambigua e sensuale, Pacino un Erode immenso, meschino tetrarca assiso sul trono della dissolutezza che gioca con il testo di Wilde facendolo proprio e nevrotizzando la sua performance all’estremo.

Voto 7

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

+ 35 = 40

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi