Cristian e Palletta contro tutti

Di
Share

cristian_e_palletta_contro_tutti_pietro_sermonti_libero_de_rienzo

Una commedia svelta, fresca e surreale, a tratti picaresca, dedicata a Samuel Beckett e al suo Teatro dell’assurdo: Cristian e Palletta contro tutti fa capolino nelle sale in un momento cinematograficamente tutt’altro che eccelso che coincide con l’inizio dell’estate ed è un peccato che esca solo in 34 copie. Perché l’esordio dietro la macchina da presa di Antonio Manzini, già attore di successo, sceneggiatore per Infascelli e Salvatores (per i quali ha scritto rispettivamente Il siero della vanità e Come Dio comanda) nonché autore di gialli di successo con protagonista il Vicequestore Rocco Schiavone, è una sorpresa piacevole e inaspettata.



Cristian-e-Palletta-contro-tutti

Manzini racconta, con la dimestichezza di chi si sente a proprio agio in qualunque ambito richieda familiarità con la capacità di saper raccontare una storia, la bizzarra vicenda di Cristian (Libero De Rienzo), un trentenne spiantato e fedele seguace della “botta di culo”, che intravede l’occasione della vita per uscire dalla mediocrità in un losco affare: recuperare della pipì di giaguaro per portare a termine un piano in cui è rimasto invischiato. Con lui, l’amico di sempre Palletta (Pietro Sermonti), meccanico squattrinato, innamorato di Teresa (Margherita Vicario), fidanzata di Cristian. I due affronteranno insieme un viaggio in terra di Puglia imbattendosi in una assortita varietà di coloriti personaggi, tra artisti circensi decaduti (il divertentissimo Rocco Ciarmoli) e inquietanti vedove di camorra (Giselda Volodi), per trovare la tanto agognata urina del temibile fèlide.

Scritto co una precisione e una leggerezza rari, Cristian e Palletta contro tutti è un gradevolissimo, piccolo film che punta tutto sull’assurda fatuità del piano dei due protagonisti per portare a termine la loro missione. Quello che più colpisce delle avventure di questa coppia di strampalati amici va cercato nella trama ridotta all’osso ma perfettamente equilibrata e nell’immediatezza della resa di situazioni e caratteri per cui è sufficiente un dettaglio, una parola, un’immagine, per rivelare molto più di quanto non venga mostrato. Antonio Manzini, che il film lo ha anche scritto (oltre che interpretato, vestendo i panni del guru degli stupefacenti John Benzedrina), si affida alla brachilogia, a un parlare conciso e sentenzioso intriso di romanità e di tanti altri dialetti, e vince nel rendere omaggio ad alcune commedie grottesche degli anni Settanta che trovano in Lina Wertmüller la rappresentante più significativa di quel filone.

Voto 6,5

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

28 + = 38

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi