The Legend of Tarzan

Di
Share

The-Legend-Of-Tarzan_1
È quasi impossibile trovare qualcuno che non conosca Tarzan. Chi non ha letto libri e fumetti ha almeno visto uno degli innumerevoli film, telefilm o cartoon sul celebre personaggio nato dalla fantasia di Edgar Rice Burroughs e apparso per la prima volta nel 1914.
L’uomo allevato dalle scimmie che si sposta da una parte all’altra delle lussureggianti foreste dell’Africa centrale abbracciato a una liana e il cui richiamo metterebbe in riga chiunque, è ormai parte dell’immaginario collettivo. Quando, nel 1971, l’editore Giunti pubblicò in una serie i romanzi di Tarzan in italiano, a introdurli fu Dino Buzzati. «Ora – commentava lo scrittore – nella pagina scritta Tarzan mi sembra un personaggio più interessante e persuasivo che sullo schermo». Al cinema ad interpretare Tar-Zan (che significherebbe “pelle bianca” in una non meglio identificata lingua scimmiesca) nei quasi duecento film a lui dedicati, da Elmo Lincoln a Johnny Weissmuller, da Lex Barker a Gordon Scott, passando per i più recenti Miles O’Keefe e Christopher Lambert. E adesso è arrivato anche un fisicatissimo (con gli aggettivi ci fermiamo qui) Alexander Skarsgård, figlio maggiore di Stellan e già fascinoso vampiro nella serie True Blood.

The-Legend-of-Tarzan_2



Dopo aver visto The Legend of Tarzan diretto da David Yates (regista dei quattro film finali della saga di Harry Potter e dell’imminente Animali fantastici e dove trovarli), dobbiamo riconoscere che Buzzati aveva ragione. Tarzan, anche a più di cent’anni dalla sua nascita, continua a poter offrire il meglio di sé sulla carta. Analizzando infatti quest’ultima pellicola dedicata al signore delle scimmie, quello che colpisce sin dall’inizio è la volontà da parte di regista e produttori di aver confezionato intenzionalmente un’opera mainstream che cerca di accontentare un pubblico più ampio e variegato possibile, con una particolare attenzione ai giovanissimi. È proprio per questi ultimi che Yates ha un occhio di riguardo: il suo non è un Tarzan eroe, ma quasi un supereroe: comunica con gli animali, si lancia nel vuoto da altezze impensabili: insomma sembra quasi un Superman della Jungla. Ma c’è un’altra novità che riguarda l’aspetto narrativo del personaggio e va ricercata nella scelta di mostrarci un Tarzan già maturo, tornato dall’Africa e già da otto anni un perfetto lord inglese che vive a Londra con la sua Jane (Margot Robbie).

Ma allora dov’è la storia? La storia di questo Tarzan sui generis parte da qui, da Londra, procede a ritroso attraverso qualche flashback in cui viene mostrata la sua infanzia, l’incontro con Jane e qualche altro episodio saliente della sua vita. Poi via, verso il futuro che, neanche a dirlo, porterà Lord Greystoke e la sua bella moglie di nuovo negli inospitali quanto affascinanti territori congolesi, brutalmente colonizzati da belgi e da inglesi nei quali John Clayton III dovrà vedersela con un ometto perfido e criptogay, Leon Rom (nei giorni scorsi girava voce di un bacio tagliato tra lui e Tarzan), che ha le fattezze di Christoph Waltz in modalità villain tutto faccette e poco altro. Insomma, se nei film precedenti e anche sulle pagine dei romanzi la sfida era addomesticare un selvaggio, in The Legend of Tarzan è tutto il contrario: non più da Tarzan a John Clayton, ma da John Clayton a Tarzan, in un tentativo poco riuscito e anche privo di fascino che tenta di raccontare un ritorno dalla civiltà brutta e cattiva, rea di tramutare gli uomini in schiavi e di portargli via le risorse.
Un’operazione difficile da capire, che probabilmente si è persa un po’ per strada, ma che grazie alla sapiente mano di Yates, in alcuni momenti, riesce ad essere persino godibile. Thumb down per la scelta di realizzare scimmie e altri animali in CGI: il paragone con gli empatici scimpanzé in motion capture visti ne L’alba del pianeta delle scimmie e in Apes Revolution non sta proprio in piedi.

Voto 5

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

2 + 7 =

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi