La La Land

Di Andrea Bosco
Share

la-la-land

Se è vero, come diceva Eco, che “due cliché fanno ridere, ma cento commuovono”, probabilmente Damien Chazelle, portato alla ribalta dal trionfo di Whiplash, ha preferito restare sul sicuro e peccare per eccesso: La La Land insegue la tradizione agrodolce e malinconica di È sempre bel tempo e Les parapluies de Cherbourg per raccontare una storia di sogni inseguiti e infranti, di speranze accarezzate e disilluse, di aspettative e di rimpianti, ma senza quell’elemento perturbante e quel senso di realtà che permeavano i capolavori di Donen e di Demy.

la-la-land_2



Chazelle conferma l’estrosità, il brio, la vivacità e la natura sincopata del suo cinema facendo deflagrare ed esplicitando l’anima jazz delle sue opere precedenti in una sorta di Come eravamo moderno a ritmo di musica, ma trasforma l’esperimento compiuto da Coppola con lo sfortunatissimo (e straordinario) Un sogno lungo un giorno in un epigono che, pur ricalcandone soluzioni e stilemi – in primis il ricorso al piano sequenza, in totale contrasto con il delirio di montaggio del suo film precedente, e lo studio fisiologico del colore e della luce -, è qui rivisto, semplificato e parafrasato a uso e consumo di un pubblico meno esigente: se l’intenzione era quella di restituire genuinità e sana ingenuità al genere, il passo verso il kitsch, come nel caso della pessima sequenza “cosmica” dentro l’Osservatorio Griffith, rischia spesso di farsi breve e di sfociare nel ricatto (il finale in chiave what-if, tanto artefatto da disinnescare la commozione).
Lo spettacolo, sulla distanza, è salvo, grazie anche a un’alchimia trascinante fra i due indovinatissimi protagonisti, spontanei ai limiti dell’impaccio, e all’energia dell’elemento coreografico, ripreso per lo più senza stacchi con il contrappunto di frequenti panoramiche a schiaffo, ma l’emozione ricercata a bella posta e didascalizzata all’eccesso, l’invasività della (autoreferenziale) riflessione nostalgica – non manca la prevedibile giaculatoria anti-tecnologica – e la tendenza a soffocare il pathos in favore di un tono più conciliante confermano La La Land come nient’altro che un vezzoso, ancorché piacevole, esercizio di stile.

Voto 6,5

Share

Comments

About author

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

+ 40 = 49

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi