Hostiles

Di Carolina Tocci
Share

Scheda

(Id., USA 2017)
Uscita: –
Regia: Scott Cooper
Con: Christian Bale, Rosamund Pike, Ben Foster
Durata: 2 ore e 13 minuti
Distribuito da: Notorious Pictures

Hostiles_1



L’atteggiamento sempre contenuto, impassibile. Lo sguardo di chi ha passato la vita ad eseguire e a dare ordini che non si discutono e le poche parole, quelle necessarie. Christian Bale in Hostiles è così, un uomo tutto d’un pezzo piegato alla legge del sangue, la sola che vige in terra di frontiera. Siamo nel 1892 in New Mexico e il capitano dell’esercito Joseph J. Blocker accetta, suo malgrado, di scortare un capo Cheyenne in fin di vita e la sua famiglia fino alle terre della sua tribù. Ma Joe ha combattuto contro gli indiani, che gli hanno portato via, negli anni, amici e commilitoni. In questo viaggio da un isolato avamposto dell’esercito nel Sud fino alle praterie del Montana, si unirà a loro una giovane donna, Mrs. Quaid (Rosamund Pike) dall’esistenza distrutta. Insieme, saranno costretti a unire le forze contro le ostili tribù Comanche che incontreranno lungo il cammino.

hostiles-movie-rosamund-pike

Lungi dal voler rivisitare l’epopea western in modo tradizionale, Scott Cooper riadatta una sceneggiatura del Premio Oscar Donald Stewart (Caccia a Ottobre Rosso, Missing – Scomparso) mai prodotta e la farcisce di tante immagini, poche parole e quei paesaggi mozzafiato che sembrano assistere, impotenti, ai massacri di cui sono teatro.
Se in Crazy Heart e in Out of the Furnace, il regista americano ci aveva dato l’impressione di prediligere storie in cui la condizione umana veniva messa a dura prova, con Hostiles ne abbiamo la conferma definitiva. Il Capitano Blocker, Mrs. Quaid e tutti gli altri personaggi (compreso un ottimo Ben Foster in un breve cameo) sono alla mercé della dissennatezza che perdura e che alimenta l’odio tra le diverse etnie, nonostante un tiepido vento di cambiamento inizi a soffiare. Ed è proprio questo uno degli aspetti più interessanti del film: il riuscire a descrivere la transizione, quel momento in cui il dubbio che il trattamento riservato ai nativi americani sia stato illegittimo e brutale.

Un cambiamento che vivrà in prima persona anche lo stesso Blocker, lungo un viaggio che si rivelerà anche profondamente metaforico e proprio per questo tanto impervio, doloroso e sfibrante.
La disperazione mai gridata, sempre sottaciuta e proprio per questo divampante di Bale e della Pike da sole valgono il prezzo del biglietto, mentre la narrazione procede crudele e spietata, rimanendo però fedele ai tempi del western classico à la John Ford.

 

Voto 7,5

 

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

4 + 1 =

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi