The Horsemen

Di
Share

Avete presente quei thriller nei quali, appena la telecamera indugia per la prima volta su un personaggio, si pensa “ecco l’assassino”? Ecco, in questo The Horsemen non delude mai: appena penserete che qualcuno è colpevole dei tremendi delitti a base di ganci e libro dell’Apocalisse, potete star sicuri di aver fatto centro. Prevedibile in modo quasi imbarazzante, a tratti inspiegabilmente eccessivo, questo film di uno dei registi più amati dalle popstar (ha filmato le edizioni DVD di concerti di Madonna e U2) può contare solamente su un Dennis Quaid a proprio agio nel ruolo di detective disperato. Un cliché che funziona sempre.



Anche Ziyi Zhang, nella parte della carnefice adolescente, risulta sufficientemente iquietante: non abbastanza, però, da riuscire a dimenticare quanto a Hollywood piaccia lo stereotipo dell’asiatica pazza.
Tutto il film corre verso un finale prevedibile e soprattutto che non convince. La metafora biblica è puerile e fa molto esoterismo della domenica. La fotografia si salva, nonostante i momenti Se7en vorrei ma non posso. Condisce il tutto il solito mix tra teenager insoddisfatti e internet, qualcosa che ci aspettiamo di vedere più a Porta a porta che non al cinema.

Voto 5

Share

Comments

Tagged with:

About author

Francesco Bernacchio

Appassionato di pop a trecentosessanta gradi, ama il cinema d'evasione, l'animazione e i film che non durino più di due ore.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

+ 18 = 22

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi