Operazione Valchiria

Di
Share



La storia del complotto contro Hitler ad opera del colonnello Claus von Stauffenberg
(Cruise) nel giugno del 44 è portata sullo schermo con grande professionalità. La regia
di Singer è puntuale, di stampo classico, meticolosa, attenta a soffermarsi sugli
snodi nevralgici che la storia racchiude in sé. E gli attori gli danzano attorno, sulle note di Wagner, naturalmente, da Kenneth Branagh a Tom Cruise.

Un altro ruolo carismatico e nervoso, di quelli che gli riescono davvero bene (vi
ricordate il procuratore sportivo che interpretava in Jerry Maguire?), Cruise ci
regala un von Stauffenberg pronto a tutto, pur di dimostrare al mondo che i tedeschi
non sono tutti come Hitler. Anche Scientology passa in secondo piano quando recita con
tanta veemenza in uniforme tedesca con la benda su un occhio e l’intensità di entrambi
nell’altro.

Il fattore che ci ha convinto meno riguarda il modo in cui la vicenda è stata adattata
allo schermo, troppo farcita di elementi cari al thriller, che a volte fanno
dimenticare a chi guarda che si tratta di avvenimenti realmente accaduti.

Voto 7

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

23 + = 26

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi