La Notte degli Oscar in diretta su Movielicious: la premiazione

Di Carolina Tocci
Share

Continua dalla diretta dal tappeto rosso. Inizia la premiazione!

2.31: Hugh Jackman arriva sul palco. Visto che c’è la recessione, Hugh dice che non c’è nessun megavideo riassuntivo di tutti i film in gara. Quindi farà tutto in casa: inizia a ballare e cantare canzoni ispirate alle pellicole in gara. Anne Hathaway viene trascinata sul palco per recitare nella parte di Nixon. E’ ufficialmente un one man show! Un ballo scatenato sul tema: “Non ho visto The Reader, quindi ballo a caso”. Eccezionale. Quest’uomo è troppo! Standing ovation di tutti i presenti.



2.42: Sul palco alcune vincitrici celebri del premio come Miglior attrice non protagonista. Tra parentesi, Whoopi Goldberg leopardata è da shock. Vengono riprsentate tutte le interpreti che concorrono quest’anno per questo Oscar. Vince Penélope Cruz per Vicky Cristina Barcelona. L’attrice sta per svenire, ma riesce a tenersi in piedi per ringraziare Woody Allen, Pedro Almodovar, Bigas Luna. Dedica il premio ai genitori. Noi avremmo voluto Marisa Tomei sul palco, anche se abbiamo adorato il film!

2.53: Steve Martin e la mitica Tina Fey sul palco. Viene premiata la Migliore sceneggiatura originale. Vince Dustin Black per Milk. Ma questo sceneggiatore è un figo! Ed è giovanissimo! Un importante messaggio: la prima volta che ha sentito la storia di Harvey Milk ha sentito che avrebbe potuto vivere al meglio la propria vita da gay. Un grande discorso sui diritti. Quest’uomo ci ha conquistato.

2.59: Premio alla Miglior sceneggiatura non originale. Tina Fey e Steve Martin flirtano: lui è sempre un bell’uomo eh, non c’è che dire. L’Oscar va Simon Baufoy per The Millionaire. Non per dire, ma noi l’avevamo detto nei nostri pronostici. Un premio decisamente meritato.

3.02: Jack Black e Jennifer Aniston, che coppia! Lei ha una pettinatura semplicemente agghiacciante: si sentono le scintille dello sguardo di Angelina provenire dalla platea. Si premia il Miglior film d’animazione. Noi iniziamo ad avere bisogno di un caffè! Sappiamo già chi vincerà, suvvia… ditelo… Wall-E. Il regista ha la faccia di uno che si sarebbe aspettato più una glaciazione fulminante a Los Angeles che non vincere.

3.08: Si premia il Miglior cortometraggio d’animazione. Ancora Jennifer! Riuscirà a lanciare un insulto ad Angelina? Sarebbe un grande, grandissimo momento. Vogliamo una rissa! Nessuno in sala presta attenzione alle nomination. Tutti vorrebbero un cocktail. Vince La Maison en Petits Cubes.

3.16: Ecco salire sul palco Sarah Jessica Parker e Daniel Craig! I due si ignorano. Assegnano il premio per la Migliore scenografia.

3.18: Il premio va a Donald Graham Burt e Victor J. Zolfo per Il curioso caso di Benjamin Button. Ringraziano David Fincher… Noi no, visto il film che ha fatto!

3.20: Sarah e Daniel continuano ad ignorarsi e non hanno nessuna intenzione di lasciare il palco. Ora assegneranno il premio per i Migliori costumi. A vincere è  Michael O’Connor per La Duchessa.

3.21: Incredibile! Sarah e Daniel ancora non se ne vanno! Assegnano il premio per il Miglior make-up. A vincere è Greg Cannom per Il curioso caso di Benjamin Button.

3.25: Finalmente un cambio di coppia. Salgono sul palco Amanda Seyfried e Robert Pattinson. Lui sembra ancora avere il trucco da vampiro, per quanto è pallido.

3.30: E’ la volta di Natalie Portman e Ben Stiller. Lui ha una barbona finta e un paio di occhiali scuri. Che sia un omaggio a Joaquin Phoenix e alle sue recenti apparizioni? I due premiano il film con la Miglior fotografia. A vincere è Anthony Dod Mantle per The Millionaire.

3.38: Ecco apparire Jessica Biel. Ma qualcuno deve averla pettinata, visto il modo in cui si è presentata poco fa sul red carpet!

3.45: Il premio per la Miglior cortometraggio lo legge James Franco. E’ incerto sulla pronuncia e capiamo il perché. Il corto si chiama Spielzeugland e a ritirare l’Oscar è Jochen Alexander Freydank.

3.52: Hugh Jackman torna sul palco con un fiore rosso. Sfodera il cilindro e comincia a ballare. Purtroppo, non si spoglia, ma sfoggia di nuovo la sua voce da brivido. Quanto ama il palco, quest’uomo? Parte un medley sulle canzoni da musical più famose, e arriva una favolosa, strepitosa, prorompente Beyoncé! Le sue cosce occupano mezzo palco! Troppo Bootielicious. Beyoncé deve averci dato giù di carboidrato, ma balla come se fosse posseduta. C’è un esorcista in sala?

3.55: Il medley continua, e compaiono sul palco Zac Efron, Vanessa Hudgens, Dominic Cooper e Amanda Sayfried. E’ il caos più totale. Azzardiamo: è il momento più sfarzosamente pop degli ultimi dieci anni di Oscar! Semplicemente favoloso. Baz Luhrmann è la mente dietro questa genialata.

4.01: E’ il momento di premiare il Miglior attore non protagonista. Si procede verso l’inevitabile vittoria di Heath Ledger per Il cavaliere oscuro. Come è successo per le donne, cinque non protagonisti famosi arrivano sul palco. Qui l’Academy ci regalerà un inevitabile momento retorico, per alcuni criticabile. La famiglia di Ledger sale sul palco: suo padre, sua madre e sua sorella prendono il premio per lui. Kate Winslet inizia a piangere, preparandosi alla sua vittoria. Mickey Rourke appare un po’ annoiato: irrispettoso. Sintetico e toccante il discorso del padre, davvero commovente quello della madre. Anche Angelina si scioglie in lacrime.

4.14: Premio al Miglior documentario. Vince Man on Wire di James Marsh e Simon Chinn. Subito dopo il Miglior cortometraggio documentario. Ognuno in sala ne approfitta per controllare il cellulare di nascosto. Vince Smile Pinki di Megan Mylan.

4.25: Siamo in zona postproduzione. Da una misteriosa botola sbuca sul palco Will Smith. Consegna il premio per i Migliori effetti speciali a Il curioso caso di Benjamin Button. Peccato per Iron Man, che non ce l’ha fatta. Will Smith rimane a presentare i candidati al premio come Miglior montaggio sonoro. E l’Oscar va a Il cavaliere oscuro.

4.31: Ancora Will Smith, che introduce il premio come Miglior mixaggio sonoro. A vincere, The Millionaire. Per un attimo viene inquadrato il volto di Danny Boyle, regista del film, visibilmente emozionato. Danny, non ti agitare. Cosa farai allora quando ritirerai il premio per il Miglior Film?

4.33: Will Smith inizia a straparlare. Presenta un altro premio, quello per il Miglior montaggio.  A vincere, ancora una volta, The Millionaire!

4.41: Sale sul palco Eddie Murphi. Consegna un premio speciale, intitolato a Jean Hersholt (che oltre ad essere un brillante attore ara anche lo zio di Leslie Nielsen). Il premio va a Jerry Lewis e alla sua verve comica. Standing ovation quando Lewis prende la statuetta tra le mani.

4.51: Sono quasi le cinque, e il momento orchestrale non aiuta. Che succeda qualcosa di forte, sennò qua ci crolla la faccia sulla tastiera! Arrivano Zac Efron e Alicia Keys per premiare la Miglior colonna sonora. A.R. Rahman per The Milionaire vince. Tutto questo florilegio di premi minori significheranno una clamorosa sconfitta al premio per il Miglior film. Tentiamo di insinuarci nella mente dell’Academy, ma a quest’ora non è semplice.

4.55: Il momento del premio alla Miglior canzone. Ancora Alicia e Zac: lui è molto più diva di lui. Ben due canzoni in nomination sono tratte da The Millionaire. Parentesi Bollywood agli Oscar: ora ci ascoltiamo tutte e tre le canzoni! Non esageriamo, dai: facciamo vincere Wall-E e basta. Alicia Keys ha tanto di quel trucco che non riesce a muovere le palpebre. Vince una delle due canzoni di The Millionaire. Peter Gabriel ve la farà pagare molto cara, per questo.

5.05: Hugh Jackman ci sveglia dal torpore. Liam Neeson invecchiato di settant’anni! Lo accompagna Freida Pinto, insieme premieranno il Miglior film straniero. Vince il Giappone con Okuribito, di Yojiro Takita. I film favoriti continuano a non vincere: e parliamo di Valzer con Bashir.

5.10: Per una cerimonia grande, una grande presenza! Queen Latifah irrompe sul palco vestita come un albero di Natale. Il blu e il nero sfinano, ma non fanno miracoli. Inizia improvvisamente a cantare. Scorrono le immagini delle personalità cinematografiche scomparse quest’anno. Ultima inquadratura su Paul Newman.

5.18: Reese Witherspoon arriva ridendo come se fosse il suo compleanno. Un po’ di rigore, stella! Premierà la Miglior regia. Danny Boyle ha già le mani sui braccioli della poltrona, pronto ad alzarsi. E infatti, ha vinto lui! Inizia a saltare sul palco: posseduto da Tom Cruise? Cita Tigro e Winnie the Pooh per i figli: noi lo sapevamo, che per tenere svegli tutti l’Academy deve aver distribuito allucinogeni.

5.27: La cerimonia volge al termine. Ma non prima di aver assegnato i premi più attesi. Tocca alla Miglior attrice protagonista. Seguendo il cerimoniale precedente, salgono sul palco cinque attrici che hanno vinto lo stesso premio in precedenza. Tra la magica cinquina anche la nostra Sophia Loren. Evviva! Accanto a lei, una Nicole Kidman magra e imbalsamata, forse più della stessa Sophia! Torniamo al premio. A vincerlo quest’anno è la divina Kate Winslet per The Reader: A voce alta. Premio più che meritato, brava Kate! Emozionatissima inizia una lunga lista di ringraziamenti. Pensavamo di elencarli tutti.. Ma sono sempre le 5.35 del mattino…

5.36: E’ la volta del Miglior attore protagonista. Salgono sul palco i cinque premiati nelle edizioni precedenti. Una procedura che inizia ad essere un tantino lunga. Ma attendiamo con ansia il nome del vincitore. Noi tifiamo per Sean Penn… And the winner is… E andiamo! E’ Sean Penn! “Disgraziati amanti dei gay”! Così inizia il suo discorso di ringraziamento. Splendida la sua prova in Milk. Prosegue Penn: “Non capisco come sia potuta passare la Proposition 8, dato che dovremmo avere tutti gli stessi diritti”.

5.48: Steven Spielberg sale sul palco per il gran finale, e premiare il Miglior film. Ci siamo! Tutti sono pronti ad acclamare la pellicola Danny Boyle. Ci saranno colpi di scena? Assolutamente no. The Millionaire vince la statuetta. Tutto il cast sale sul palco, bambini compresi: una folla! I produttori ringraziano. Hugh Jackman torna sul palco per gli ultimi saluti, e noi ci uniamo a lui. Grazie per averci seguito finora, buonanotte (anzi, buongiorno!) a tutti.

Share

Comments

Tagged with:

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

9 Comments

  1. chrisblu 23 febbraio 2009 at 04:13

    Ma quanto balla bene Hugh Jackman!!! E’ bravissimo!
    Grande la diretta, soprattutto se non si ha Sky 😉

  2. edo 23 febbraio 2009 at 04:50

    vergogna per i mancati premi a The dark night…:-(

  3. Romina 23 febbraio 2009 at 04:50

    Millionaire sta vincendo tutto, sono felice.

  4. edo 23 febbraio 2009 at 04:52

    bene per Millionaire…concordo…ma pur adorando fincher stanno spingendo Benjamin Button nelle categorie sbagliate che di diritto sarebbero dovute andare a Nolan…

  5. edo 23 febbraio 2009 at 04:54

    e comunque grazie carolina per gli update…resisti…siamo con te

  6. marco 23 febbraio 2009 at 10:49

    siete stati fortissimi! l’anno prossimo tutti con voi, magari insieme a qualche starlette..

  7. francesco 23 febbraio 2009 at 18:44

    Grazie per averci seguito… è stato divertente passare la notte con Oscar! 😉
    E con tutti voi, naturalmente. :-)
    Al prossimo grande evento. Ormai ci abbiamo preso gusto, con queste dirette.

  8. gi 1 marzo 2009 at 20:25

    l ho letto tutto solo ora…m’avete fatto morire!!!hihihihi!!!

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

7 + 1 =

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi