Terminator Salvation

Di
Share

Il regista si chiama McG, e già questo mood da rapper marca male. Il terzo capitolo di Terminator, poi, è ancora vivo nella memoria dei fan come uno dei seguiti più nefasti della storia della sci-fi. Eppure, dopo aver diretto infiniti video musicali e le Charlie’s Angels, McG accoglie la sfida. La vince solo in parte, resituendo al pubblico tutto il sangue e i bulloni che ha sempre amato nella saga iniziata da James Cameron. Difficile riassumere la complessa continuity della serie, qui osservata e omaggiata con citazioni e battute riciclate di sana pianta. Vi basti sapere che nel 2003 il condannato a morte Marcus Wright (Worthington) viene terminato, e trasformato in un potentissimo cyborg. Nel 2018, infuria la battaglia tra le macchine e gli umani: sul fronte c’è John Connor (Bale), trait d’union di Terminator, in cerca di giustizia ma anche e soprattutto di suo padre, che è stato mandato nel passato per incontrare la mitica Sarah Connor. Nel frattempo incontra Marcus, che naturalmente ha il suo bel segreto cibernetico da nascondere.



Terminator in motocicletta, esplosioni, fuoco e fiamme: in Terminator Salvation non manca nulla di quello che rende un film di fantascienza un buon film d’azione. Il problema è solamente che la trama è sottile e poco approfondita, volutamente impegnata a gettare i semi per sequel vari, e totalmente incentrata sui robot piuttosto che sugli umani. Christian Bale viene completamente oscurato dal collega Sam Worthington, anche perché si limita a riciclare le espressioni da Batman. Un’interpretazione talmente poco ispirata che si stenta a riconoscerlo. Non che Salvation non sia un film godibile e tutto sommato perfetto per chi ama la soap opera fantascientifica: ma si finisce per rimpiangere il mitico Schwarzenegger, qui riprodotto in computer grafica per un breve cameo digitalizzato. Sembra che per questo giro Mr. T non abbia avuto l’upgrade che meritava. Sufficiente, ma nulla di più.

Voto 6

Share

Comments

About author

Francesco Bernacchio

Appassionato di pop a trecentosessanta gradi, ama il cinema d'evasione, l'animazione e i film che non durino più di due ore.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

1 + 3 =

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi