Natale a Beverly Hills

Di
Share

Non abbiamo voglia di fare gli snob che denigrano i cinepanettoni tanto per, quindi motiveremo il nostro votaccio all’ennesimo Natale a…
E badate bene che siamo dei grandissimi fan del primissimo episodio, quello con Mario Brega a Cortina. Un classico. Storciamo il naso quindi ascoltando De Sica che cerca di convincerci che il cinepanettone è persino più difficile da fare rispetto a una commedia, perché si tratta di una “farsa”. La “farsa” si regge tutta sull’ironia degli autori e degli attori del film, a suo dire, ma ci chiediamo che cosa ci sia di ironico in questa specie di accozzaglia tra film romantico e volgarata anni ’80.



Capiamoci: Natale a Beverly Hills è il peggiore della serie da almeno una buona decina d’anni. Questo perché tenta di offrire sia la solita sequela di battutacce e grottesco alla romana, che una love story con ambizioni americane e accento meneghino. Michelle Hunziker e Sabrina Ferilli due facce della stessa medaglia: quella della vuotezza e del film non tanto facile, quanto troppo facile.
A parte De Sica e il cast secondario, però, quello che dispiace è che la maggior parte degli interpreti sfigura in cotanto piattume. Persino Michelle, il cui potenziale come attrice continua a rimanere inespresso. Ci avevamo quesi scommesso.

Voto 3

Share

Comments

About author

Francesco Bernacchio

Appassionato di pop a trecentosessanta gradi, ama il cinema d'evasione, l'animazione e i film che non durino più di due ore.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

+ 61 = 62

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi