Cosa voglio di più

Di
Share

Per Anna il futuro ha il profilo sereno del suo compagno Alessio, i contorni di una Milano che si espande, i toni spenti di un treno che dalla periferia la porta in centro, di un impiego modesto ma sicuro. Quello che le manca è forse il coraggio di prendersi una responsabilità definitiva e avere un figlio. Poi nella sua vita irrompe Domenico: i contorni svaniscono e per la prima volta si trova faccia a faccia con l’amore, quello intenso, passionale, con le linee nette dei corpi nudi, con gli spigoli delle loro rispettive relazioni: Domenico è sposato e ha due figli. La loro storia con Anna nasce da un semplice incontro come tanti, che presto inizia a scavare dentro di loro, spingendoli a ribellarsi alla quotidianità. Iniziano così i loro incontri clandestini in uno squallido motel a ore, le liti al cellulare, le bugie, le carezze soffocate e i baci rubati. E poi i dubbi e le domande.



Il nuovo film di Silvio Soldini è una fotografia dell’amore ai tempi della crisi, un’istantanea dai colori desaturati, ma dai contrasti forti, che descrive con precisione chirurgica, ma con mano delicata e discreta l’amore che sgretola le certezze e allontana gli obiettivi di un’intera vita. Niente di originale fin qui: il valore aggiunto sta nella riflessione sottile su come il mondo circostante possa influenzare, a volte determinare, le scelte emotive e la vita interiore. La crisi economica, la precarietà, la famiglia da mantenere sono priorità ineludibili che distruggono l’amore romantico, rendendolo terribilmente reale e arido. La passione si spegne e tutto, anche i sentimenti più puri e spontanei, diventano quantificabili. Non c’è spazio per un amore da copertina in una realtà da cronaca.

A questa riflessione, amara quanto vera, danno vita i volti, le voci e sporattutto i corpi di Alba Rohrwacher e Pierfrancesco favino, entrambi speciali come sempre nel gioco delle sfumature, dei mezzi toni, delle pieghe dei sentimenti. Alba è spesso nuda, nel suo corpo delicato e dolente, il suo sguardo si accende d’amore e la sua voce descrive gli alti e bassi dei sentimenti. Favino, bravissimo a cambiare accento, disegna il personaggio del semplice e appassionato calabrese Domenico con verità e tenerezza. A dare profondità al quadro contribuiscono le prove degli attori secondari (Fabio Troiano, Giuseppe Battiston), e la regia minuziosa ed elegante a cui Soldini ci ha ormai abituati.

Voto 7

Share

Comments

About author

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

77 + = 85

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi