Soldini racconta i moti del cuore

Di Fabrizio Foligno
Share

Uscirà venerdì 30 aprile nelle sale italiane, il nuovo lavoro di Silvio Soldini che questa volta racconta un amore nascosto, quello tra i due amanti Pierfrancesco Favino e Alba Rohrwacher. Una vicenda solo apparentemente già sentita, quella di Cosa voglio di più, che il regista di Pane e tulipani porta avanti in modo credibile e coerente. La pellicola racconta la storia di Domenico, sposato e con due figli e Anna, trentenne fidanzata e apparentemente felice. Dopo il primo incontro, tra i due nasce una storia fatta di passione e desiderio, scandita dagli incontri clandestini che si incastrano in modo dirompente con la quotidianità. Cosa voglio di più è stato presentato alla stampa durante un’affollata conferenza, durante la quale abbiamo chiesto a Soldini e ai due protagonisti di raccontarci qualcosa in più su come sia nata l’idea di realizzare un’opera sia narrativamente che visivamente tanto forte.

Silvio Soldini: “Per la prima volta è stato un episodio di vita reale a far scattare l’idea del film. Una mia amica mi ha raccontato il momento che stava vivendo, la sua storia personale, e così mi è venuto in mente che volevo mettere in scena un innamoramento, una grande passione, ma in un contesto familiare, sociale, culturale molto specifico, con tutti i condizionamenti che ne derivano”.



La storia di Anna e e Domenico avrebbe potuto chiamarsi tranquillamente L’amore ai tempi della crisi…
Pierfrancesco Favino: “Per me sarebbe più giustodefinirlo La crisi al tempo dell’amore, perchè il film vuole intercettare senza retorica un ambiente sociale visto di solito in maniera pietistica, e ha una grande delicatezza nel raccontarlo. Cosa voglio di più è una storia che si compone di differenti strati, descrive le qualità diverse dell’amore e mostra come un semplice incontro possa cambiarti la vita, come esista il pericolo che alcune condizioni pratiche possano condizionare le possibilità emotive: i personaggi vivono un amore da copertina e le scene di sesso sono patinate. Nonostante i protagonisti appartengano a una classe sociale non elevata”.

A questo proposito, come avete affrontato le scene di sesso? C’è stato imbarazzo?
Pierfrancesco Favino: Da parte mia non c’è stato nessun imbarazzo, ma una disponibilità ad affrontare quello che veniva richiesto. Le scene non sono fini a se stesse, ma mostrano come gli incontri costruiscano un rapporto.
Alba Rohrwacher: Da parte mia c’è stata una totale fiducia nello sguardo del regista, una fiducia reciproca in un ambiente che rispetta i corpi: era uno sguardo che non mi ha fatto sentire giudicata in alcun modo.

Come avete costruito i vostri personaggi? Più distacco o più immedesimazione?
Alba Rohrwacher: “È stata un’esperienza totalizzante, viscerale per tutti, ed è stato faticosa raccontare quest storia. A un certo punto per me è scoccata una totale identificazione, spesso Pierfrancesco ed io discutevamo dei nostri personaggi come se parlassimo delle nostre vite e dei nostri reali problemi, eravamo i nostri personaggi anche in quella situazione”.
Pierfrancesco Favino:  “Il modo che ha Silvio di dirigere ci ha permesso di entrare con grazia e meticolosità in una storia tanto violenta dal punto di vista emotivo. Per me è stato un totale abbandono, a un certo punto non si capiva se ero io a servirmi del personaggio o il contrario”.
Alba Rohrwacher: “Ma comunque c’è un distacco da mantenere: il coinvolgimento è positivo, ma è pur sempre un lavoro”.
Pierfrancesco Favino: “Bisogna mantenere un filtro quando si scava nell’intimo, nell’emotività, ma noi attori siamo abituati a farlo e poi siamo guidati dalla mano del regista”.
Silvio Soldini: “Si era creato un tale clima sul set che ci ha permesso di raccontare cose piccole e intime, una storia quotidiana che non fosse noiosa”.

Share

Comments

About author

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

20 + = 21

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi