Lo Hobbit: Peter Jackson ci tiene aggiornati

Di Carolina Tocci
Share

Oggi come oggi il diario della lavorazione di un film si tiene su Facebook. E Peter Jackson per dimostrare ai suoi fan che il progetto Lo Hobbit è partito alla grande e procede anche meglio, ha deciso di affidarsi al social network. L’ultima notizia ci arriva proprio dal profilo Facebook del regista neozelandese, che nella foto vediamo accanto alla postazione video in 3D che campeggia sul set del film. Dopo le prime immagini dal set, ora Jackson ha pubblicato una lunga nota in cui parla delle innovazioni tecnologiche che caratterizzeranno il film e della sua decisione di girarlo a 48 fps (frames per second, fotogrammi al secondo) invece dei rituali 24:

“Si girano film a 24 fps dalla fine degli anni Venti. Il risultato è che l’immagine, soprattutto nelle scene in cui il movimento è rapido, risulta sfocata. Sono novant’anni che guardiamo film in questo modo quindi siamo abituati, ma quella dei 24 fps era una scelta più legata a questioni tecniche e di costi che altro. È questione di abitudine. I 48 fps rendono le immagini molto più realistiche e più semplici da guardare, soprattutto nel caso del 3D. Dopo mesi a testare la nuova risoluzione, vi assicuro che tornare ai 24 fps risulta… primitivo. Domenica scorsa al cinema ho visto un film con la risoluzione classica, ed ero continuamente distratto dalle sfocature. Mi sto facendo viziare dai 48 fps!”.



Il regista continua sostenendo che i 48 fps, e tra non molto anche i 60, rappresenteranno lo standard, dato che ora i film vengono girati in digitale. “Anche i miei colleghi più puristi e cinefili ormai si sono convertiti! Devo ringraziare la Warner Bros. per avermi permesso di girare così Lo Hobbit”. Il regista conclude la nota consigliando di rimanere sintonizzati: “presto pubblicheremo il primo video”.  Lo aspettiamo con ansia!

Share

Comments

Tagged with:

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

4 + 6 =

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi